Auto elettriche, vicino un punto di svolta. Enel sempre più pro green

enel green powwerL’auto elettrica. Se ne parla da anni e finalmente si è arrivati ad un punto di svolta. Il vero colpo di scena lo ha appena portato il gruppo Enel diventando il global power partner della Fia Formula E, il primo campionato automobilistico delle monoposto elettriche. Compito dell’Enel sarà quello di riuscire ad ottimizzare la produzione di energia verde e la distribuzione unendo il tutto alla promozione delle più recenti tecnologie. La partnership è destinata a durare perché, si sa già, proseguirà nei due campionati successivi, con la possibilità di estendere l’accordo anche dopo il campionato 2017-2018.

L’Amministratore Delegato, nonché Direttore generale di Enel, ha così commentato: “Siamo felici di essere partner del team della Formula E, iniziativa che ci consente di mettere a disposizione le nostre conoscenze per aumentare la digitalizzazione della loro infrastruttura di energy management e di fornire energia con le nostre tecnologie di generazione da rinnovabili. Enel e formula e sono partner naturali perché entrambe colgono appieno le opportunità della mobilità elettrica, delle smart city e della rivoluzione delle energie verdi. Uniamo le forze per proseguire il lavoro pionieristico nel campo dell’innovazione tecnologica per la mobilità elettrica del futuro”.

Enel sta progettando, inoltre, una mini-grid che sarà del tutto digitalizzata e utilizzerà una specifica tecnologia atta a monitorare i consumi.

Ma non finisce qui! Nel mese di giugno Enel definirà un nuovo piano per le colonnine auto elettrica affinché, come affermato dall’A.D., le macchina elettriche “possano circolare senza l’angoscia della ricarica perché al di là delle iniziative lodevoli portate avanti dai singoli comuni o da parte dell’amministrazione pubblica e delle regioni, faremo un piano un po’ più organico che permetta di muoversi”.

In riferimento, poi, al fatto che, al di là della Formula E, le auto elettriche possano diffondersi anche nei classici circuiti commerciali, Starace ha aggiunto: “Chiaramente l’automobile elettrica fa parte di un mondo che non è il nostro, dipende dai produttori. Sappiamo che i produttori sono pronti, hanno annunciato per il 2017 o al massimo il 2018, modelli all’altezza di una normale mobilità a benzina. Ho detto più volte che la macchina elettrica una volta diventata un discorso economico e non solo di incentivi può interessare. Credo che questo tempo si stia avvicinando”.

Chissà che non si possa, col tempo. nel noleggiare auto senza carta di credito poter scegliere anche un auto elettrica risparmiando sul carburante e vivendo la guida in modo più “green”.