Cagliari, sequestrati oltre 12mila articoli contraffatti

cagliari-sequestro-articoli-contraffattiCAGLIARI – Nell’ambito dei dispositivi di controllo economico del territorio a contrasto della contraffazione e dell’abusivismo commerciale organizzato, i finanzieri del comando provinciale hanno eseguito, nello stesso contesto operativo, due distinti interventi che hanno consentito di individuare complessivamente 12.000 articoli sprovvisti di qualsivoglia etichettatura identificativa della provenienza e della pericolosità dei materiali, quasi 300 capi di abbigliamento ed accessori di pelletteria recanti marchi contraffatti e 268 articoli vari in violazione della normativa a tutela del “made in Italy”.

In un primo intervento i finanzieri del 1º nucleo operativo del gruppo di Cagliari hanno rinvenuto la merce presso un negozio, ubicato nel capoluogo, gestito da un commerciante di etnia cinese. Il titolare, con numerosi precedenti specifici in materia di contraffazione, é stato denunciato a piede libero alla locale A.G. per frode in commercio, vendita di prodotti industriali con segni mendaci, contraffazione e ricettazione.

Un secondo intervento ha permesso poi di intercettare un carico, proveniente dalla Campania, di quasi 200 prodotti contraffatti fra calzature ed accessori di abbigliamento, pronti per essere immessi sul mercato in occasione delle prossime festivita’ natalizie.

Il materiale rinvenuto nelle due operazioni – riconducibile ad importanti brand sia nazionali che internazionali – del valore di circa 15.000 euro, é stato sottoposto a sequestro a disposizione dell’autorita’ giudiziaria.

Gli elementi emersi nel corso dell’operazione confluiranno nel s.i.a.c. (sistema informativo anti contraffazione), piattaforma informatica gestita dalla guardia di finanza, cui hanno accesso tutte le forze di polizia e gli operatori di settore che attraverso la raccolta strutturata dei dati riferiti alle attivta’ svolte sul territorio, consente di tracciare i flussi illeciti, risalendo alla filiere del falso e di agevolare l’analisi di rischio sulle fenomenologie in questione.