Cannabis, Rifondazione Comunista: “Lorenzin dice fesserie”

Beatrice LorenzinROMA – “Le argomentazioni del ministro Lorenzin contro la legalizzazione della cannabis sono grottesche. Farsi scudo dei bambini, come già accaduto con le unioni civili, è il solito giochetto cinico e propagandistico per fare leva su paure e emotività. In primis perchè, come ammette anche esagerando sull’età lo stesso ministro, i ragazzi la marjuana già la fumano nonostante il proibizionismo. ma soprattutto perchè in realtà è proprio il proibizionismo a mettere in pericolo la salute dei ragazzi. Infatti oggi sono in circolazione, fuori da qualsiasi controllo sanitario e merceologico, schifezze pericolose perchè il mercato è gestito da mafie e criminalità che per fare affari mischiano marijuana 0 hashish con altre sostanze. In caso di legalizzazione i consumatori potrebbero fumare erba che si autocoltivano o acquistarne di qualità accertata riducendo i rischi sanitari”.

Lo afferma in una nota Maurizio Acerbo, membro della segreteria nazionale del partito di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea.

“Farei inoltre presente alla ministra – aggiunge Acerbo – le decine di migliaia di persone che nel corso degli anni sono state sottoposte a persecuzioni giudiziarie che non giovano certo alla salute: inviterei a ricordare i casi di quelli come Aldo Bianzino che sono morti in carcere per due piante di Marijuana o dei tanti altri suicidatisi per la vergogna o lo shock dopo l’arresto”.

Quanto alla cannabis terapeutica, il ministro “ha fatto male e in ritardo solo il proprio dovere. Considerato che da anni è stato riconosciuto dal Ministero il valore terapeutico della cannabis è vergognoso che oggi alla stragrande maggioranza dei pazienti in Italia venga negato ancora l’accesso ai farmaci e ai preparati galenici a base di cannabinoidi. Lo dico essendo stato io l’autore della prima legge regionale – quella abruzzese, ancora peraltro inattuata – che prevedeva la coltivazione, la produzione e l’erogazione da parte del servizio sanitario della cannabis che meritoriamente la ministra Lorenzin e il governo non impugnarono. Proprio la tutela dei malati e in generale dei consumatori imporrebbe a una ministra della salute l’abbandono di atteggiamenti oscurantisti e false prudenze che seminano soltanto danni”.