Cleò: impazza la voce misteriosa che incanta l’Italia del Web

Cleò è un artista misterioso che interpreta in tonalità originale cavalli di battaglia di Mina, Mango, Antonella Ruggiero e i Matia Bazar

Logo Cleò

Da febbraio 2017 a oggi, il web guarda Cleò con interesse crescente e costante. L’artista misterioso, che canta in rete senza mostrarsi. Colpisce per la sua caratteristica di muoversi abilmente, a livello vocale, su un’estensione fuori dal comune, utilizzando sia il registro vocale maschile che femminile.

La stampa italiana ha già iniziato a recensire positivamente questo personaggio di cui nulla si conosce, se non, per l’appunto, la voce. La sua estensione vocale gli consente di interpretare – in tonalità originale – cover difficilissime come “Brava” di Mina; “Vacanze Romane” dei Matia Bazar.

“Il Dicembre degli Aranci” (pezzo di Mango e Laura Valente, seconda vocalista dei Matia Bazar), “Il Passo Silenzioso della Neve” di Valentina Giovagnini. “L’Ave Maria” di Fabrizio De Andrè in una versione orchestrale eseguita nella stessa identica e difficile tonalità di Antonella Ruggiero.

Cleò rivela una padronanza della voce e un gusto del belcanto pop come non si sentiva da tempo. Forse, Cleò, pur nella moderna società dell’immagine, ha scelto il percorso più difficile, ma anche quello più meritevole.

Farsi apprezzare e valutare solo per la voce. Una voce usata come uno strumento. Una voce che affascina ed emoziona, dotata di una grande carica di comunicatività. In attesa di ascoltare il primo singolo inedito di Cleò, resta da chiedersi quale, tra le grandi case discografiche italiane, accompagnerà Cleò nella sua carriera.