CLI: “Tacco Punta” è un inno ai piccoli passi, ai nuovi inizi della vita

CLI: "Tacco Punta" è un inno ai piccoli passi, ai nuovi inizi della vitaL’intervista a Chiara Beltrame, in arte CLI. La giovane cantautrice ci racconta com’è nato il suo ultimo singolo “Tacco Punta”, in radio dal 9 marzo. E della sua collaborazione con la ballerina Simona Atzori

Abbiamo intervistato Chiara Beltrame, in arte CLI, in occasione dell’uscita del suo ultimo singolo “Tacco Punta”. CLI racconta com’è nato il brano; e l’incontro con Simona Atzori che ha portato le due artiste alla collaborazione.

Il singolo “Tacco Punta” è davvero toccante, potresti raccontarci se nasce da una tua esperienza personale che ti ha segnata?

‘Tacco-Punta’ nasce da un’esperienza per me molto forte. Qualche tempo fa mi sono rotta un ginocchio ed ho dovuto letteralmente re-imparare a camminare. Il mio fisioterapista mi ripeteva sempre ‘tacco-punta, tacco-punta’ e ricordo, come fosse adesso, l’emozione incredibile e la gioia dei primi passi senza stampelle. Come spesso mi succede, da una esperienza che vivo particolare nasce una canzone. ‘Tacco-Punta’ per me è un inno ai piccoli passi, a quelli meno visibili esteriormente ma proprio per questo più importanti. Ai nuovi inizi che segnano nuovi percorsi e alla vita che quotidianamente ci sorprende. Alle nuove avventure nelle quali ci buttiamo nonostante i nostri limiti o le nostre paure, allo slancio che troviamo dentro anche quando pensiamo di non avere la forza per farcela. A quei momenti nei quali anche ‘mezza bocca basta per sorridere'”.

In quale occasione hai incontrato la splendida Simona Atzori? e come avete pensato di coniugare così armoniosamente la tua musica e la sua danza?

“La collaborazione con Simona è nata da uno di quei tanti incontri meravigliosi che non mi sarei mai aspettata, avvenuti grazie alla musica e alla vita. Avevo da poco finito ‘The Voice’ ed ero ospite di un festival, la serata prevedeva lo spettacolo di Simona. Era la prima volta che ci incontravamo. Sentendola parlare della sua esperienza e del suo secondo libro (‘Dopo di te’) nella testa avevo, quasi come una colonna sonora alle sue parole, ‘Tacco- Punta’. Era stato un momento così forte che dopo un po’ di tempo ho deciso di farle sentire il pezzo e lei mi racconta che stava scrivendo un nuovo libro ‘La strada nuova’ (uscito l’8 marzo 2018, Edizioni Giunti) che aveva moltissimi punti in comune con ‘Tacco-Punta’. È stato naturale, visto anche la persona straordinaria che è Simona, chiederle di essere protagonista del mio video”.

Che cosa ti ha lasciato la collaborazione con Simona?

“Prima di tutto una bellissima amicizia e la voglia di continuare a collaborare insieme. Simona è una forza della natura, la stimo profondamente”.

Potresti raccontarci qualcosa in più della tua passione per la musica? Quando hai capito di voler essere una cantautrice?

“Mi sono avvicinata alla musica da piccola, come per tanti bimbi, in modo molto naturale. Io della musica mi sono letteralmente innamorata e quando ti innamori vuoi conoscere sempre di più la persona ad esempio per cui provi questo sentimento. Stessa cosa con la musica. Quindi ho cominciato a studiarla. Ho una famiglia che ama la musica e mi ha sempre permesso di esprimermi e di studiare quello che mi piaceva. Sono molto fortunata. Fin da piccola ho sempre creato canzoncine per le varie situazioni di vita familiare ( dal compleanno di qualcuno al preparare la tavola). Passare alle canzoni è stato davvero naturale”.

Sapresti dare un consiglio ai ragazzi che come te, intraprendono la carriera musicale?

“Studiare. Conoscere. Capire se è davvero una necessità vitale e non smettere mai di esserne innamorato”.