Conferito al nuovo Centro Nazionale della Lega del Filo d’Oro il “Marchio di Qualità Sisma Safe”

OSIMO – È stato conferito al nuovo Centro Nazionale della Lega del Filo d’Oro il “Marchio di Qualità Sisma Safe”, prima etichetta in Italia per la sicurezza sismica degli edifici. Alla cerimonia della consegna del Kit e della targa Sisma Safe Gold – che è stata apposta all’ingresso della nuova struttura – hanno preso parte oltre ai Responsabili di Sisma Safe e della Lega del Filo d’Oro, anche i rappresentanti della Regione Marche, del Comune di Osimo, dell’Università Politecnica delle Marche e dell’Enea.

La nuova sede della Lega del Filo d’Oro rappresenta una struttura d’avanguardia in Europa per l’assistenza, la cura e la riabilitazione delle persone sordocieche e pluriminorati psicosensoriali progettata grazie alle competenze maturate nei 50 anni di esperienza dell’Associazione, un complesso accogliente, funzionale e ben inserito nell’ambiente, all’insegna dell’efficienza energetica e dell’innovazione nella progettazione strutturale.

Concepito per potenziare i servizi a supporto delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e delle loro famiglie, la sua struttura presenta soluzioni tecnologiche antisismiche d’avanguardia, a conferma della costante attenzione per garantire la sicurezza degli ospiti e di tutto il personale e il “Marchio Sisma Safe”, ideato e sviluppato dall’associazione culturale “Sisma Safe” – insieme all’ENEA come partner scientifico – per promuovere la cultura della prevenzione del rischio sismico, attribuisce un’etichetta di qualità a edifici progettati e realizzati secondo criteri che si ispirano al concetto di costruzione a regola d’arte dal punto di vista strutturale e geotecnico, oltre che al rispetto delle norme tecniche vigenti.

Il nuovo Centro Nazionale, una volta completati i lavori di costruzione anche del secondo lotto, permetterà alla Lega del Filo d’Oro di migliorare ulteriormente la qualità dei servizi per la riabilitazione delle persone sordocieche. Verranno inoltre incrementati i posti letto per i ricoveri a tempo pieno e quelli per la degenza diurna. Saranno raddoppiati i posti del centro diagnostico e, di conseguenza, dimezzati i tempi di attesa per la valutazione iniziale. Inoltre, l’attesa per i trattamenti intensivi sarà più breve e bambini e ragazzi potranno essere seguiti più da vicino nel loro percorso.

“Siamo molto orgogliosi di aver ricevuto il Marchio di Qualità Sisma Safe per il nuovo Centro Nazionale perché la sicurezza degli ospiti e di chi lavora alla Lega del Filo d’Oro è un aspetto di fondamentale importanza – ha dichiarato Rossano Bartoli Segretario Generale della Lega del Filo d’Oro – Il nuovo Centro è stato progettato all’insegna dell’efficienza energetica e dell’innovazione progettuale strutturale e rappresenta un esempio a livello nazionale. Abbiamo potuto portare a termine i lavori del primo lotto e avviare quelli del secondo grazie a tutti coloro i quali hanno creduto in noi e continueranno a sostenerci per vedere realizzato questo importante progetto”.

L’area su cui si sta realizzando il nuovo Centro Nazionale si estenda su una superficie di circa 56 mila mq. Il complesso, su più livelli, copre una superficie edificata di 12 mila mq, con ampi spazi verdi e percorsi attrezzati e sarà composto da 9 edifici, 37 tra ambulatori medici – per la diagnosi e la riabilitazione – e laboratori per l’attività occupazionale, 40 aule didattiche, foresterie per i familiari, 4 palestre per la fisioterapia e 2 piscine per l’idroterapia. Un polo specialistico per la riabilitazione delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali, che permetterà di potenziare i servizi e di abbattere le liste di attesa.

La Lega del Filo d’Oro è un punto di riferimento sia per gli utenti e le loro famiglie che per le Istituzioni ed è il principale referente degli organi pubblici – Asl, Regioni, Ministero della Sanità – per sostenere le istanze e i bisogni delle persone sordocieche oltre a dare un forte impulso innovativo nella rieducazione di persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali, grazie all’Attività di Ricerca e a un riconosciuto metodo riabilitativo maturato in oltre cinquanta anni di attività.