Grande successo per la Crazyrun 2017: 1° posto al Team Spaccacuori

CrazyrunUn finale spettacolare per i partecipanti ed il pubblico, con musica, vip lounge, supercar in esposizione

Crazyrun si è conclusa a Pietrasanta con i crazyrunner trepidanti in attesa di conoscere l’esito della corsa automobilistica più pazza d’Italia, dopo aver percorso 500 km attraverso la meravigliosa Toscana.

Il Comune di Pietrasanta, che ha concesso il patrocinio all’iniziativa, ha offerto un’occasione unica per vedere la sfilata delle supercar e dei team di fronte ai tanti appassionati di motori, pronti a scattare foto con i partecipanti e le loro auto. Straordinario l’entusiasmo che ha accolto i team al traguardo fino al momento delle premiazioni.

Vincitori della Crazyrun 2017:

Il team SPACCACUORI #31 su Ferrari California T. Secondo posto per il team GLI ELBANI #27 su Porsche 991 Carrera 4s e terzo posto per il team TAXI DRIVER #81 su Jaguar F-Type R.

Premiati anche i team che meglio hanno interpretato lo spirito Crazyrun:

Per la categoria:

  • CRAZY TEAM ha vinto il team CHE MINKIA GUADDI #02 su Ferrari 458 Speciale.
  • CRAZY CAMOUFLAGE ha vinto il team POLIZEI #06 su VW Maggiolino con livrea della polizia tedesca e team composto da 4 donne in divisa ufficiale.
  • CLASSIC CRAZY CAR ha vinto il team DEUS 697 #97 su BMW 2.8 CS del 1971.
  • LUXURY PAINT ha vinto il team GIRLS RM AUTOSPORT #10 su SLR Mercedes McLaren.

Anche in questa edizione Crazyrun è stata una car race coinvolgente in un itinerario, che tra Tavarnelle Val di Pesa e Pietrasanta, ha visto sfrecciare oltre 80 auto tra Lamborghini, Ferrari, Maserati, auto d’epoca, hypercar, supercar e auto stravaganti in una caccia al tesoro di 48 ore con 10 checkpoint e 10 tappe selettive.

Per citarne alcune: La Fortezza di Radicofani, dalla quale si ha una vista mozzafiato su tutta la Val d’Orcia. Scansano, famoso per l’ottimo Morellino. Il mare di Punta Ala. Il meraviglioso Golfo di Baratti. Bolgheri con il viale alberato più famoso d’Italia. Il vecchio anfiteatro di San Giuliano Terme. Le mura di Lucca.

Ad ogni tappa i team hanno superato la prova per poter registrare il personal badge ed ottenere la busta contenente l’indizio successivo. Indizi e prove rompicapo scanditi dal tempo messo a disposizione per superarle.