Ex Moi Torino, la Polizia arresta tre occupanti

poliziaTORINO – Sono stati arrestati dalla polizia tre occupanti dell’ex Moi di Torino, l’ex villaggio olimpico in cui vivono da oltre quattro anni profughi e rifugiati. Lo scorso dicembre si erano opposti alla riapertura dell’ufficio che si occupa del piano di ricollocazione dei profughi al Moi. Sono accusati di violenza aggravata a pubblico ufficiale I tre avevano invaso gli uffici del ‘progetto Moi’, distrutto le vetrate, scaraventato all’esterno i mobili; il coordinatore del progetto era stato colpito con un pugno in faccia.

Le tensioni erano iniziate già il 21 e 22 novembre, quando le forze dell’ordine avevano sgomberato gli scantinati e i garage. Tutti ‘regolari’ in Italia, sono un 31enne del Ciad, gestore di un chiosco di cibo e bevande nel cortile dell’ex Moi; un 25enne del Niger, che gestisce un piccolo market in una delle palazzine occupate, e un 38enne nigeriano, coordinatore di un gruppo di connazionali dediti all’attività abusiva di rigattieri.