Fisco: Unimpresa, “Le famiglie risparmiano per paura di nuove tasse”

Logo UnimpresaROMA – “Il premier Matteo Renzi ha dichiarato che per la prima volta dall’inizio della crisi la classe media e’ tornata a risparmiare. L’aumento dei fondi, in realta’, e’ generalizzato ed e’ legato ai timori di nuovi inasprimenti della pressione fiscale: le riserve sono cresciute a tutti i livelli per un totale di quasi 20 miliardi nell’ultimo anno”. Lo sostiene il Centro studi di Unimpresa, secondo cui i risparmi delle famiglie italiane ora valgono 915 miliardi.

La crisi e la paura di nuove tasse frenano i consumi dei cittadini, bloccano gli investimenti delle imprese e congelano la liquidita’ delle banche: da febbraio 2015 a febbraio 2016 l’ammontare delle riserve in Italia e’ passato da 1.555 miliardi a 1.595 miliardi in aumento di quasi 40 miliardi (+2,52%).

Il saldo dei conti correnti e’ cresciuto di 61 miliardi, da 808 miliardi a 869 miliardi (+7%), mentre si registra un calo di oltre 34 miliardi per i depositi con durata prestabilita: segno che c’e’ una certa preferenza ad avere liquidita’ a disposizione, senza vincolarla in alcun modo. I salvadanai delle famiglie sono saliti di 23 miliardi, quelli delle imprese di 10 miliardi, quelli degli istituti di credito sono invece calati di 723 milioni.

Le riserve di assicurazioni e fondi pensione hanno registrato un lieve aumento, salendo di 1 miliardo in 12 mesi (+5%), mentre quelle delle imprese familiari sono salite di quasi 4 miliardi (+8%).