Il futuro dell’occupazione è green: offerte di alta formazione post-diploma

la Regione Toscana finanzia un nuovo corso dell’ITS Energia e Ambiente per la gestione e la verifica di impianti energetici e risparmio energetico nell’edilizia sostenibile

ITS Energia e Ambiente

Nei giorni scorsi, la Regione Toscana ha condiviso gli obiettivi della Fondazione “ITS Energia e Ambiente” di Colle di Val d’Elsa (SI), e deciso di finanziare, oltre al corso di Tecnico superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici, giunto quest’anno alla sesta edizione, un nuovo corso per Tecnico superiore per il risparmio energetico nell’edilizia sostenibile. I due corsi formeranno tecnici superiori nelle tecnologie legate alle fonti di energie rinnovabili e all’efficienza energetica promossa dalla Fondazione ITS Energia e Ambiente della Toscana, ampliando le possibilità occupazionali dei giovani diplomati che vedono un futuro in questo settore economico, fra i più innovativi e in evoluzione.

Il doppio percorso di alta formazione post diploma renderà la Fondazione ITS Energia e Ambiente la principale struttura formativa in Toscana nell’area dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili.

Dal 2011, anno della sua nascita, a oggi l’ITS ‘Energia e Ambiente’ ha attivato 5 corsi biennali post diploma coinvolgendo oltre 100 studenti, di cui 60 hanno già concluso il percorso e conseguito il diploma. Oltre il 70% dei diplomati nei primi tre corsi biennali conclusi, inoltre, ha già trovato un’occupazione coerente con il percorso di studi fatto.

La stessa Fondazione sarà impegnata nelle prossime settimane per presentare un progetto integrato nell’area energia, partecipando al bando della Regione Toscana sull’alta formazione nelle aree strategiche della regione e ampliando, se sarà finanziato, le tipologie di operatori da qualificare.

Il dialogo costante con le imprese in risposta alle loro esigenze:

“La principale caratteristica dei corsi post diploma proposti dalla Fondazione ITSafferma il presidente, Luciano Carapelliè quella di cercare di capire quali siano le competenze rilevanti per trovare lavoro e i soggetti più deputati a dircelo sono le imprese, con cui abbiamo un dialogo e una collaborazione costanti. Grazie a questo, vengono intercettati i bisogni delle aziende del territorio e definiti programmi didattici rispondenti alle loro esigenze. Su queste stesse basi, la Fondazione ITS, contando sulla collaborazione di esperti di settore a livello regionale, ha presentato alla Regione Toscana il nuovo percorso formativo, forte del sostegno di organismi e imprese, sempre a livello regionale, che credono nella formazione dei giovani e in un settore che richiede competenze sempre più qualificate”.

“Quello del risparmio energetico – aggiunge Carapelli – è un percorso ormai irreversibile in tutti i Paesi più sviluppati: non solo le nuove costruzioni devono rispettare prescrizioni nazionali e caratteristiche progettuali e realizzative ben precise e definite da macro-obiettivi europei, ma anche gli edifici esistenti, a partire da quelli pubblici, devono adeguarsi a standard di efficientamento energetico. Risparmiare energia difendendo l’ambiente e aumentando il comfort, abbattere i costi dell’energia e aumentare il valore immobiliare degli edifici sono leve decisive per lo sviluppo dell’edilizia sostenibile. Questo scenario è già in atto e in ulteriore sviluppo e nasce la necessità concreta di formare anche in Toscana, nel futuro imminente, una figura professionale altamente specializzata, con un iter formativo innovativo e alternativo all’università, che ha il suo punto di forza nello stretto e costante rapporto con le esigenze e le competenze espresse dalle aziende più avanzate del territorio, durante stage formativi, in laboratorio e nelle lezioni in aula”.

INFO: www.its-energiaeambiente.it