Istat, decelera l’inflazione a febbraio dopo tre mesi di stabilità

Logo IstatROMA – Dopo tre mesi di stabilita’, si e’ registrata una decelerazione dell’inflazione a febbraio: in base alle stime preliminari dell’Istat, infatti, l’indice dei prezzi al consumo ha mostrato un tasso tendenziale (+0,6%) di tre decimi inferiore rispetto al trimestre novembre-gennaio. “Il rallentamento – ha spiegato l’Istat – e’ stato determinato dalla dinamica delle voci maggiormente volatili: i ribassi tendenziali degli alimentari non lavorati sono ancora legati ai forti rincari che hanno caratterizzato lo stesso periodo dell’anno precedente”.

L’inflazione di fondo, nella misura al netto dei beni energetici e alimentari non lavorati, ha evidenziato un moderato aumento, pari a +0,7%, 0,1% in piu’ rispetto a gennaio, e per la prima volta da dicembre 2016 si e’ attestata su ritmi superiori a quelli dell’inflazione totale.

“La risalita della core inflation – ha commentato l’Istituto nazionale di statistica – e’ da imputare alla componente dei servizi (+0,8% rispetto il precedente +0,6%) mentre per i prezzi dei beni industriali non energetici la variazione annua e’ ritornata appena negativa”.

“L’inflazione pressoche’ nulla per i beni industriali non energetici – ha aggiunto l’Istat -, risente, oltre che della moderazione dei costi salariali e di un contesto interno e internazionale maggiormente competitivo, anche della debole dinamica dei prezzi all’importazione. L’apprezzamento del cambio dell’euro ha attenuato le pressioni sui costi dei prodotti importati per i principali raggruppamenti”. Per i beni di consumo non alimentari, infatti, si e’ accentuata la caduta tendenziale, con -0,3% a dicembre da -0,1% a novembre, che ha coinvolto alcune importanti voci di spesa dei bilanci delle famiglie, con -0,6% per la confezione di articoli di abbigliamento e -0,4% per le calzature.