Lancia la bimba e si suicida, l’autopsia: “La moglie uccisa da lui”

Fausto Filippone

CHIETI – Non una caduta accidentale e non un suicidio: Marina Angrilli sarebbe stata spinta giù dal balcone. Lo confermano – secondo quanto apprende l’ANSA – le prime indiscrezioni trapelate sull’esito dell’autopsia sul corpo della moglie di Fausto Filippone, eseguita all’obitorio di Chieti dal medico legale Cristian D’Ovidio.

L’accertamento avrebbe consentito di appurare che, per tipologia di lesioni e di traiettorie, la donna non si sarebbe suicidata. Escluso anche il malore e colluttazioni.

Le autopsie su Marina Angrilli, di 51 anni, e Ludovica Filippone (10), si sono tenute ieri all’obitorio di Chieti ad eseguire l’esame il medico legale Cristian D’Ovidio. Lunedì, invece, era stata eseguita l’autopsia su Fausto Filippone, che ha confermato la morte sul colpo per l’impatto a terra dopo il volo di 40 metri dal viadotto Alento della A14.

Per i risultati degli esami tossicologici bisognerà attendere l’esito delle analisi di laboratorio sui campioni prelevati. Filippone si è suicidato domenica scorsa, poche ore dopo aver lanciato nel vuoto la figlia di dieci anni, Ludovica, dallo stesso viadotto; la moglie Marina, invece, era morta la mattina dopo essere precipitata dal balcone di un appartamento a Chieti, di proprietà del marito.