Laura Boldrini riceve una delegazione di parlamentari M5S

Laura BoldriniROMA – La Presidente della Camera, Laura Boldrini (foto), ha ricevuto questa mattina una delegazione di parlamentari del M5S – composta dal capogruppo alla Camera Michele Dell’Orco, dal capogruppo al Senato Stefano Lucidi, dalla vicecapogruppo alla Camera Laura Castelli e dal componente del direttorio Carlo Sibilia – che le ha illustrato le iniziative assunte con parte del denaro proveniente dalla retribuzione dei parlamentari del Movimento, destinata al fondo per il microcredito alle piccole imprese, e la proposta di legge per la riduzione degli emolumenti dei parlamentari.

La Presidente ha espresso apprezzamento per il significato economico e sociale del microcredito, che soprattutto in un periodo di crisi consente a chi ha spirito di iniziativa ma non capitali di mettere in atto le buone idee. Ha ricordato anche la lectio magistralis di Muhammad Yunus ospitata a Montecitorio e l’iniziativa pubblica organizzata alla Camera con tutte le rappresentanze attive nel microcredito.

Inoltre la Presidente ha sottolineato i risultati conseguiti in materia di contenimento dei costi dell’istituzione dall’inizio della legislatura. 223 milioni fatti risparmiare alla collettività in un triennio: 150 milioni di minori richieste alle casse pubbliche e 73 milioni restituiti allo Stato. Cifre alle quali si aggiungeranno tra poco le altre misure che l’Ufficio di Presidenza si appresta a varare in sede di approvazione del bilancio. “Alla vigilia del vostro restitution day – ha detto la Presidente Boldrini ai rappresentanti del Movimento – posso affermare che una delle linee-guida di questa Presidenza è stata risparmiare risorse e restituirle allo Stato, in nome di una doverosa sobrietà”. E’ uno sforzo che la maggioranza dell’Ufficio di Presidenza della Camera ha sempre sostenuto, ha aggiunto la Presidente, mentre più difficile si è rivelato fin qui l’intervento sugli emolumenti dei deputati e sulla regolarizzazione dei collaboratori parlamentari.

Quanto ai tempi di discussione della proposta di legge del M5S riguardante la retribuzione dei parlamentari, la Presidente Boldrini ha sottolineato che, quando il testo avrà completato il suo iter in Commissione e il Movimento lo porterà alla Conferenza dei Capigruppo, ciò comporterà la sua naturale calendarizzazione. “Ma al netto di tutte le necessarie misure contro gli sprechi e l’uso improprio del denaro pubblico – ha ricordato la Presidente della Camera – è bene non dimenticare che la politica e le istituzioni richiedono l’impiego di risorse: non può esistere una democrazia a costo zero”.