Laura Pausini: debutto con il botto a San Siro, ora Roma e Bari

Laura PausiniMILANO – Sabato 4 giugno ha debuttato a Milano #PAUSINISTADI, il primo leg del “Simili Tour”, il nuovo show evento che porterà Laura Pausini, partendo il 26 luglio da Toronto, in America per il Similares Us & Latin America Tour, e in autunno in Europa dal 7 ottobre a Madrid per il Simili European Tour, per un totale di 40 eccezionali concerti.

Al debutto mondiale sono già più di 300.000 i biglietti venduti in tutto il mondo. Le date italiane segnano un nuovo traguardo: dopo essere stata la prima donna a cantare a San Siro nel 2007, Pausini è la prima donna protagonista di un tour negli stadi italiani e raddoppia l’appuntamento al Meazza.

Sabato 4 e domenica 5 giugno Laura è stata a San Siro, ora toccherà a Roma e Bari con due ospiti d’eccezione: sabato 11 giugno allo Stadio Olimpico con Biagio Antonacci e sabato 18 giugno all’Arena della Vittoria con Giuliano Sangiorgi.

Prodotto in tutto il mondo da F&P Group, lo show si svolge su un palco grandioso disegnato da Laura che ha curato personalmente la regia dello spettacolo. Il palco è un abbraccio infinito, così come il disegno autografo della stessa Pausini che lo ha ispirato, pensando a quelli che lei chiama “i soldati dell’amore”, i suoi “Simili” che insieme formano un unico abbraccio “che sconfigge l’odio e risalta somiglianze e diversità”.

La struttura centrale che si sviluppa su due livelli è il vero centro del concerto; le due braccia sono lunghe passerelle che permetteranno a Laura di raggiungere, con la sua band, i lati più esterni delle venue rendendo confortevole la visione, raggiungendo il pubblico in ogni ordine di posto.

Il palco, la cui superficie è completamente pavimentata da led, è parte integrante della scenografia. Per #PAUSINISTADI, infatti, sono stati realizzati incredibili visual, proposti sui video ad altissima definizione e sul pavimento del palco, per un totale di 875 mq di schermi.

Sul palco, insieme alla cantante italiana più amata nel mondo, 6 coristi, 11 musicisti e 30 performer per una produzione internazionale.