Le prime case automobilistiche e le prime corse

PANHARD E LEVASSORQuasi tutte le prime Case automobilistiche ebbero le loro origini in ditte già affermate in altri settori. La Panhard inizia addirittura nel 1845, era una segheria, poi divenne una ditta per la costruzione di ruote per carri e nel 1889 verrà prodotta la prima automobile; la De Dion-Bouton fu fondata a Puteaux in Francia nel 1883; la Benz & Cie venne fondata da Karl Benz a Mannheim in Germania nel 1883 anch’essa; la Daimler-Motoren-Gesellschaft fu creata da Gottlieb Daimler in Germania nel 1890. Nel 1894 nacque la Miari & Giusti, una delle prime fabbriche italiane di automobili, era un progetto di due imprenditori veneti, che volevano produrre la vettura realizzata dall’ingegner Enrico Bernardi.

Già in giovane età, a soli quindici anni, Bernardi portò all’Esposizione Veronese di Agricoltura e Industria alcuni suoi modelli meccanici. Geniale si rivelò la sua idea di approfondire gli studi di Erone alessandrino, matematico e inventore dell’antica Grecia, assieme agli studi fatti da Leonardo da Vinci per quanto concerneva gli assi e tutto ciò che poteva riguardare la trasmissione del moto nelle macchine.

Queste ricerche lo condussero all’invenzione del differenziale, organo che distribuisce il momento torcente tra le due ruote motrici. Bernardi studiò e apportò dei miglioramenti anche allo sterzo della carrozza a quattro ruote.

FIATNote Case automobilistiche, ancora attive, sorsero nel XIX secolo. La Peugeot iniziò a produrre la prima automobile nel 1890; La Opel entrò nel settore automobilistico nel 1895, la prima vettura nacque nel 1899; la Renault e la Fiat nacquero ufficialmente nel 1899.

Fu nel 1879 che Armand Peugeot, appartenente ad un’ illustre famiglia di commercianti e imprenditori, conosciuta per varie attività fin dal XV secolo, cominciò a interessarsi ai mezzi di locomozione. Nel 1888 Armand Peugeot realizzò quattro tricicli, che avevano il motore a vaporizzazione istantanea di Leon Serpollet. All’Esposizione Universale di Parigi, 1889, dove si trovavano le sue vetture, vide la Daimler Stahlradwagen.

Comprese la grande importanza del motore a combustione interna e riuscì a ottenere da Gottlieb Daimler i diritti per la produzione di tale motore.

La Opel era una Ditta costruttrice di macchine da cucire e biciclette, alla fine del XIX secolo nacque la prima vettura: la Patent-Motorwagen (1899). Tutto ebbe origine da un sodalizio con Friedrich Lutzmann, proprietario di una piccola Casa automobilistica. Lutzmann cedette la Ditta e i brevetti alla Opel, andando a lavorare lui stesso per la Opel. La Patent-Motorwagen è nota anche come Opel Lutzmann.

LOUIS RENAULTLa Renault nacque dalla genialità di Louis Renault, membro di una agiatissima famiglia francese. Realizzò la sua prima vettura nel dicembre 1898. Aveva apportato delle modifiche ad un triciclo De Dion-Bouton, aggiungendo una quarta ruota, introdusse il cambio a tre rapporti con retromarcia e la trasmissione a presa diretta con giunto cardanico; quest’ ultimo consente il movimento tra due assi in rotazione, che hanno i prolungamenti incidenti in un punto. Alcune curiosità: l’invenzione del giunto risale al III secolo a.C., Filone di Bisanzio lo descrive molto bene in una sua opera. Il giunto prende il nome dal matematico italiano che lo riscoprì nel XVI secolo: Gerolamo Cardano.

La prima vettura di Louis Renault ebbe tanti ordini, addirittura una trentina. Questa prima vettura fu denominata Type A.

LOUIS RENAULT E LA TYPE ALa famosissima Ditta italiana Fiat sorse per volontà di alcuni nobili, professionisti e imprenditori, tra i quali c’era anche il cavalier Giovanni Agnelli, che faceva parte di una famiglia nota già nei primi anni del XIX secolo con Giuseppe Francesco Agnelli, che aveva fondato a Carignano una raffineria di zucchero e, grazie alla sua attività di importazione di spezie, aveva acquistato estese tenute e terreni agricoli. Il gruppo di nobili e imprenditori rilevò la Ceirano, una piccola azienda automobilistica, fondata nel 1898. Fu Goria-Gatti che suggerì il nome della nuova Ditta: Fabbrica Italiana Automobili Torino. Nel 1900 apre il primo stabilimento, che offre nuovi posti di lavoro, agli inizi vengono prodotte 24 vetture all’anno. Nel 1902 Giovanni Agnelli diventa amministratore delegato.

In quegli anni sempre di più si ricorreva alle gare automobilistiche per far conoscere i progressi tecnologici delle varie vetture. Una delle prime competizioni automobilistiche fu la Parigi-Rouen. Si iscrissero 102 vetture. Molte di queste erano assai fantasiose, venivano mosse addirittura da leve azionate dai passeggeri. Vennero iscritti anche dei veicoli tecnologicamente validi, ben trentasette veicoli con motore endotermico, trenta veicoli a vapore e tre elettrici. Dopo alcune selezioni 21 vetture si presentarono alla partenza il 22 luglio 1894, il percorso era di quasi 130 chilometri. La folla incuriosita non mancava. La gara fu vinta dal trattore a vapore De Dion-Bouton, al secondo posto giunse la Peugeot, al terzo posto l’altra Peugeot.

La primissima competizione automobilistica si tenne negli Stati Uniti, nel Wisconsin nel 1878. Si iscrissero 6 veicoli a vapore, ma solo 3 si presentarono, uno comunque non riuscì ad arrivare in tempo alla partenza, pertanto soltanto 2 vetture gareggiarono. Il percorso era di 201 miglia da Green Bay a Madison. Vinsero Frank Shomer e Hans Farrand, il loro veicolo si chiamava Oshkosh, il mezzo viaggiò con una media di 10 chilometri orari.

LEGGI: Gli albori dell’automobilismo