Lecce, operazione “Legalità diffusa a oltranza”: controllati e identificati molti stranieri nel quartiere Ferrovia

LECCE – Continuano i servizi straordinari di controllo del territorio finalizzati al contrasto dell’immigrazione clandestina, della prostituzione e dello spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere “Ferrovia”, predisposti dal Questore della provincia di Lecce nell’ambito dell’operazione “Legalità diffusa a oltranza”.

Nella serata di ieri, infatti, un consistente dispiegamento di agenti della Questura di Lecce ha setacciato la zona e, nel procedere al controllo di un gruppo di cittadini extracomunitari che bivaccava sul marciapiede del Piazzale della Stazione, ha effettuato le seguenti attività di polizia:

  • identificato un cittadino tunisino del 1989 inottemperante all’ordine del Questore di Lecce dell’11.05.2017 di lasciare il territorio dello Stato.
  • identificato un cittadino marocchino del 1977, con precedenti per resistenza e minaccia a pubblico ufficiale, rapina e inottemperante all’ordine del Questore di Lecce dell’01.07.2014 di lasciare il territorio dello Stato.

Entrambi saranno espulsi con accompagnamento al C.I.E. di Torino.

  • identificato un cittadino marocchino del 1976, con precedenti per lesioni personali e furto e inottemperante all’ordine del Questore di Lecce del 28.03.2017 di lasciare il territorio nazionale.
  • identificato un cittadino senegalese del 1969, con precedenti per resistenza a pubblico ufficiale, spaccio di sostanze stupefacenti ed inottemperante all’ordine del Questore di Roma di lasciare il territorio dello Stato.
  • identificato un cittadino marocchino del 1992 inottemperante all’ordine del Questore di Lecce del 28.10.2016 di lasciare il territorio dello Stato.

Per questi soggetti c’è attività amministrativa in corso da parte della Divisione Immigrazione della Questura finalizzata all’espulsione dal territorio nazionale.

  • sono state inoltre controllate ed identificate, in Via Lombardia, due donne di nazionalità romena mentre erano in atteggiamento sospetto di prostituzione.

Durante i servizi è stata verificata la regolarità sul territorio nazionale di ulteriori 24 stranieri. Anche con l’intervento del servizio comunale di igiene è stato visionato nuovamente il locale adibito a deposito ferroviario, senza riscontrare la presenza di persone all’interno dello stesso e senza riscontrare la presenza di masserizie varie e di giacigli di fortuna.

Infine sono state rimosse bottiglie di vetro, scatoloni di cartone e rifiuti vari che erano stati abbandonati sul marciapiede antistante il piazzale della stazione. I servizi di controllo del territorio mirati alla al quartiere Ferrovia continueranno.