Lecce, sorvegliato speciale se ne va in giro effettuando furti: arrestato per rapina

poliziaLECCE – Nel pomeriggio di ieri partiva la ricerca dell’autore di un furto in abitazione avvenuto a Lecce in via Corte dei Guarini. Gli agenti intervenivano sul posto e una volante percorreva la via di fuga del soggetto segnalato: giunta in via Marco Basseo, notava un giovane straniero a bordo di una bicicletta che richiamava l’attenzione dei poliziotti indicando un’abitazione lì vicino. Lo straniero riferiva agli agenti che il ladro da loro inseguito si era nascosto all’interno di quella palazzina, che aveva però più ingressi.

Gli agenti si appostavano, notando dal loro nascondiglio un leggero movimento di un portone in legno. Così coglievano di sorpresa il fuggitivo che si era nascosto lì dietro: si tratta di un 41enne tarantino, già noto alle Forze dell’ordine anche perché si tratta di un sorvegliato speciale.

In sede di denuncia il proprietario dell’appartamento che aveva segnalato il furto, dichiarava che la persona fermata aveva sfondato con un calcio la porta di ingresso del box, rubando beni per un valore di circa 300 euro, e li aveva riposti in una borsa di tela.

I beni asportati dal 41enne e abbandonati durante la fuga consistevano in 16 pedali di bicicletta, 6 confezioni di batterie, una cassa acustica, una sella da bici e un set di giraviti con punte multiuso.

L’indagato, una volta sfondata la porta di ingresso, aveva superato una seconda porta e all’interno di un box aveva portato via alcuni beni che riteneva di maggior valore. Sorpreso all’interno del box deposito dal proprietario, aveva reagito con violenza sbarrandogli l’uscita e facendolo cadere per terra. Alla fine il 41enne è stato arrestato per rapina impropria e violazione degli obblighi della sorveglianza speciale.