Locus Festival 30 e 31 luglio spazio alla musica inglese contemporanea

Tra gli artisti Jordan Raakei, Andreya Triana, Joan Thiele, Jelani Blackman e i Submotion Orchestralocusfestival 2016

LOCOROTONDO (BA) – Un pubblico di 30.000 persone presente lo scorso week-end del Locus Festival 2016, per assistere ai concerti di DJ Premier & The Badder, degli Snarky Puppy; migliaia i visitatori che hanno gremito il Borgo Di Locorotondo.

E dopo lo straordinario successo del secondo appuntamento, prosegue il calendario di eventi “all’avanguardia della musica”, che dedica questo fine settimana alla musica inglese contemporanea.

Sabato 30 luglio sarà Jordan Rakei a salire sul palco di Piazza Aldo Moro, alle ore 21,00, giovanissimo e polistrumentista australiano. A seguire Andreya Triana, una delle cantanti britanniche più interessanti nel panorama soul, folk e jazz.

Domenica 31 luglio, si alterneranno dalle 21,00 sul main stage della Piazza, la cantautrice italiana Joan Thiele, il cantante rapper londinese Jelani Blackman e i Submotion Orchestra.

Fino al 7 agosto, si svolgerà lo straordinario programma artistico del 2016, che conferma il Locus come uno dei festival più belli e interessanti d’Italia, con artisti che formano una line-up di alto livello internazionale e rispecchiano le tendenze più evolute ed attuali della musica mondiale di quest’anno in ambito soul, jazz, black, ed elettronico.

Il programma artistico si svolgerà attraverso cinque weekend, ed è focalizzato essenzialmente in due scene musicali: New York e Regno Unito, oggi più che mai straordinariamente vitali e innovative.

Ispirazione musicale della XII edizione del Locus Festival è il leggendario musicista americano Sun Ra, che si approcciava al Jazz in modo “afro-futurista”, e che ha ispirato gli artisti di molteplici ambiti musicali.

Tutti gli eventi del Locus 2016 sono caratterizzate inoltre, dal concept #AudiUntaggableLives, infatti, con l’apporto di Audi in qualità di official-partner, il Festival si inserisce nel genere laboratorio-evento che fonde arte, suono e pensiero, per tracciare una visione sul futuro della musica, dove gli artisti d’avanguardia, multicode e innovativi, immersi nel Borgo della Valle D’Itria, vivono un’esperienza non anti-convenzionale e non classificabile nelle solite categorie.

Il programma del Locus Festival, inoltre, si articola in altre interessanti iniziative come: le conferenze Locus Focus, che fanno conoscere la musica del Festival e la sua storia.

Gli incontri sono curati da Ashley Kahn, biografo ed esperto di jazz americano, e da Nicola Gaeta, giornalista e scrittore musicale, da tempo collaboratore dell’evento. Il Festival è organizzato da Bass Culture Srl e da Turnè Srl in collaborazione con il Comune di Locorotondo e con il sostegno della Regione Puglia. La direzione artistica è curata da Gianni Buttiglione.

INFO: www.locusfestival.it