Calcio a 5, Lazio-Acqua&Sapone 3-4: successo al fotofinish

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppPinterestLinkedInOknotizieEmailPrintCondividi

Lazio-Acqua&Sapone 3-4Decisiva la rete di capitan Murillo a un secondo dalla sirena

ROMA – Lotta, soffre, tiene botta ma crolla. E alla fine ritrova l’orgoglio e anche la vittoria. In un luna park di emozioni, da far tremare le coronarie anche ad un monaco buddhista, l’Acqua&Sapone Emmegross espugna il campo della Lazio con la zampata a 1’’ dalla sirena di capitan Murilo. Finisce 3 a 4.

IL MATCH – Pronti via e Cesaroni viene fermato subito dal palo. Nel primo quarto, Mammarella resta praticamente a guardare la partita. La Lazio calcia due volte verso la porta, ma non centra mai lo specchio, mentre i nerazzurri sono ancora una volta letali con Jonas, che scavalca Patrizi con un dolce cucchiaio, ma trova un avversario sulla linea a ribattere. Sembra il preludio al vantaggio, invece accade l’opposto. É la Lazio a passare per prima con il gol di Perri dopo quasi nove minuti. Una mazzata sul morale di una squadra che sta lottando per ritrovare il suo profilo migliore. Con tenacia e fatica, però, i ragazzi di Bellarte ritornano in careggiata: a 5’ dall’intervallo, il solito Jonas inventa il gol del pari (per lui sono 12 in classifica marcatori): sugli sviluppi di un corner, il folletto di Blumenau al volo la spedisce all’incrocio dei pali.

Dopo un primo tempo giocato bene ma non gestito nel migliore dei modi da Sidney e compagni, la ripresa si apre con le squadre un po’ frenate dalla paura di sbagliare e per oltre 7’ effettivi non accade nulla di rilevante. Poi arriva come un fulmine il gol dello spagnolo Pol Pacheco prima dell’8’ a scompigliare di nuovo i piani di Bellarte: 2 a 1 Lazio, per l’ennesima volta si deve rimontare. La partita la fanno i nerazzurri, tanto che la Lazio fatica a contenerli e all’inizio dell’ultimo quarto è già arrivata al quinto fallo. Ma sono gli errori difensivi il grande tallone d’achille che condanna Mammarella e compagni: ancora una volta il talentino della cantera del Barcellona è letale e firma il 3 a 1 a 9’ dalla fine. Toccato il fondo, e perso anche il secondo portiere Montefalcone per un rosso dalla panchina, Jonas e i suoi si scatenano: arriva il sesto fallo e sul tiro libero il bomber fa 13 in stagione e accorcia. A 5’ dalla sirena, il capitano Murilo firma il pari della possibile riscossa.

TABELLINO:

LAZIO–ACQUA&SAPONE EMMEGROSS 3-4 (pt 1-1)

LAZIO: Patrizi, Schirone, Gioia, Juninho, Sachet, Perri, Nardacchione, Cittadini, Fortini, Pol Pacheco, Chilelli D. Chilelli T. All. Mannino.

ACQUA&SAPONE EMMEGROSS: Mammarella, Murilo, Mimi, Sidney, Schiochet, Cesaroni, Jonas, Lancia, Burrito, Paulinho, Montefalcone, Mambella. All. Bellarte.

Arbitri: Maggiore di Bologna, Mazzone di Imola, crono Filippini di Roma1.

Reti: nel pt 8’47’’ Perri (L), 14’49’’ Jonas (A); nel st 7’21’’ e 10’57’’ Pol Pacheco (L), 13’10’’ Jonas (A, t.l.), 14’29’’ e 19’59’’ Murilo (A).

NOTE: espulsi 11’30’’ Montefalcone (A) dalla panchina per proteste; ammoniti Gioia (L), Jonas (A), Cittadini (L), Sachet (L), Burrito (A), Nardacchione (L).