Chieti, al via il primo esperimento di Assemblea Deliberativa sulla sicurezza urbana

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppPinterestLinkedInOknotizieEmailPrintCondividi

assemblea deliberativa chietiCHIETI – Sarà la città di Chieti, il 23 gennaio, ad ospitare il primo esperimento nazionale, con metodo scientifico, di “Assemblea di Democrazia Partecipativa e Deliberativa” sul tema della Sicurezza. L’evento, che nasce dalla collaborazione tra il Comune di Chieti e l’Università d’Annunzio – Dipartimento di Scienze Giuridiche e Sociali – nella persona di Antonello Canzano, si svolgerà presso la Sala Cascella della Camera di Commercio dalle ore 9.00 alle ore 14.00.

“Importante è il rapporto con l’università D’Annunzio che si sta instaurando – ha detto il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio – stiamo cercando di concretizzare un lavoro di tipo strategico. Il tema è di fondamentale importanza, quello della sicurezza, considerando gli eventi a cui quotidianamente stiamo assistendo attraverso gli organi di informazione che danno una percezione di insicurezza. Come amministrazione vogliamo avviare un dialogo con i cittadini, dialogo che faccia sintesi con la vita della pubblica amministrazione. Quindi appoggio in pieno l’attività del professor Canzano che svolge un lavoro che è molto utile per la collettività. La giornata che abbiamo scelto è quella del 23 gennaio. Tutta la fase organizzativa è curata ovviamente dal professor Canzano e dai suoi collaboratori. Questo esperimento cerchiamo di proporlo anche a livello nazionale attraverso l’Anci. È una cosa molto importante perché il tema della sicurezza è veramente molto sentito”.

L’Assemblea, aperta a tutti i cittadini e portatori d’interesse, vedrà la somministrazione di un sondaggio deliberativo teso ad informare, rilevare l’opinione e fornire risposte relativamente al problema sicurezza. Successivamente, seguirà confronto pubblico con l’amministrazione, gli operatori delle forze dell’ordine e i docenti e i ricercatori universitari. L’esito dei sondaggi verrà recepito dalle Istituzioni che potranno così elaborare misure idonee e strutturali in tema di sicurezza.

“Mi fa emozionare che per la prima volta in Italia si inizi a parlare di Assemblea Deliberativa – ha aggiunto Antonello Canzano – di esprimenti ce ne sono altri ma sotto altre forme e senza un apporto scientifico. Questo è un esempio di come concepire una città come un villaggio dal centro fino alla periferia. Il sondaggio in quanto tale serve a dimensionare l’ignoranza dei cittadini e approcciarli alla tematica facendo in modo che possano dare delle risposte. Il campione che viene preso per il sondaggio è assolutamente casuale. Questo tipo di sondaggio viene adottato in molte città dell’America del Nord e serve a capire quali misure si devono adottare. Questo tema si associa in modo quasi inestricabile con l’immigrazione all’interno di questo esperimento. In Italia la popolazione immigrata è dell’8% di quella totale e commette il 30% del totale dei reati”.