Fossacesia, ex ponte ferroviario sul Sangro chiuso

EX PONTE FERROVIARIO SUL SANGRO CHIUSO Arrivano 40 mila euro per la pulizia della foce intasata dai rami

FOSSACESIA (CH) – Arrivano 40 mila euro per ripulire il ponte dell’ex ferrovia sul fiume Sangro. Lo ha annunciato il presidente della Regione Luciano D’ Alfonso, che nel giorno di Capodanno, assieme ai sindaci di Fossacesia Enrico Di Giuseppantonio e Torino di Sangro Silvana Priori, ha effettuato un sopralluogo per verificare direttamente la pericolosità in cui da tempo versa la foce del Sangro e di conseguenza il ponte ed i terreni circostanti.

Il dirigente del Genio Civile Regionale ing. Vittorio Di Biase ha già avviato le procedure per il finanziamento, che sarà assegnato ai Comuni. Come è noto il maltempo e le continue mareggiate hanno fatto sì che alla foce del fiume, ai piedi dei piloni del ponte dell’ ex ferrovia, con il tempo si sia andata a depositare una quantità ingente di tronchi di alberi e detriti che ora stanno impedendo il libero sfogo del fiume verso il mare.

Questa situazione ovviamente può avere pesanti ripercussioni sia sulla stabilità del ponte, sia sui terreni circostanti che, a causa delle esondazioni del fiume, potrebbero subire allagamenti. Proprio per tale ragione ed a seguito di ulteriori accertamenti tecnici finalizzati a verificare le condizioni di sicurezza in cui versa il manufatto, i sindaci Di Giuseppantonio e Priori il 28 dicembre scorso hanno chiuso al transito l’ ex ponte ferroviario.

Attualmente, a seguito di procedure espropriative per la realizzazione della pista ciclo-pedonale, la struttura è in possesso della Provincia. “Ringraziamo il presidente D’ Alfonso – hanno dichiarato i sindaci Di Giuseppantonio e Priori- per aver risposto alla nostra richiesta. Avvieremo, subito dopo la comunicazione formale del finanziamento, gli interventi necessari per salvaguardare la sicurezza di tutti e per proteggere quello che a breve costituirà un tratto di straordinaria bellezza della Via Verde della Costa dei Trabocchi. Al presidente della Regione abbiamo chiesto un impegno ulteriore per un sistema di manutenzione costante, per la salvaguardia e valorizzazione della foce del fiume Sangro”.

Ponte ferroviario sul Sangro: la Provincia di Chieti interviene con i lavori di somma urgenza per la messa in sicurezza.

Disposti lavori di somma urgenza per 30 mila euro ad opera dell’Amministrazione provinciale di Chieti per fronteggiare la situazione di allarme in cui versa il ponte dell’ex ferrovia in prossimità della foce del fiume Sangro,
Ad annunciarlo nelle more di una auspicato chiarimento sulla titolarità ad intervenire da parte di altri soggetti istituzionali, il Presidente della provincia Mario Pupillo e il Vicepresidente delegato alla viabilità, Antonio Tamburrino. “ Come ben sappiamo – spiegano – il maltempo inclemente delle settimane scorse e l’incuria generale hanno fatto sì che ai piedi dei piloni del ponte si sia depositata una quantità importante di detriti e di tronchi di alberi che di fatto hanno impedito il libero sfogo delle acque del fiume verso il mare, destando qualche preoccupazione per la sicurezza della struttura e dell’area circostante. Come provincia abbiamo deciso comunque di attivarci e di portare il nostro contributo alla risoluzione del problema, per quanto non sia affatto chiaro a chi competerebbe vista la natura delle criticità riscontrate che richiamano l’attenzione anche della regione in materia di protezione civile”.
“Abbiamo fatto eseguire i rilievi tecnici – aggiungono all’unisono – e in prospettiva di un probabile peggioramento delle condizioni meteo che si attende nei prossimi giorni abbiamo disposto un provvedimento di somma urgenza per la messa in sicurezza dell’ex ponte, investendo una somma di circa 30 mila euro utile quanto meno per garantire un primo intervento ed evitare un pericolo maggiore per la nostra comunità e per una struttura che abbiamo tutto l’interesse a preservare.”