Lanciano, problema parcheggio disabili

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppPinterestLinkedInOknotizieEmailPrintCondividi

Gimmy Ghione e NickCostretti a sostare sulle strisce blu, quando i posti a loro riservati sono occupati o insufficienti

LANCIANO (CH) – Riceviamo e pubblichiamo la nota di Nicolino DI DOMENICA, Presidente Associazione Vita Indipendente Abruzzo Onlus, Responsabile del Movimento Vita Indipendente Abruzzo, Delegato Fish per l’Abruzzo.

“Preciso che un disabile costretto a parcheggiare su questi stalli trova seri problemi in quanto non ha lo spazio sufficiente per salire/scendere dalla macchina e per tanto non vedo perché si debba pagare un servizio se questo non consente un normale uso. Il problema è già stato da me denunciato nel 2008, come da link : http://www.oltrelebarriere.net/1560/la-sosta-nelle-strisce-blue-non-va-pagata%E2%80%8F/ , credevo che il problema si fosse risolto invece continua a persistere, che in quasi tutte le città e paesi d’Italia, anche da noi molto vicine come Fossacesia e Castelfretano, è stato risolto con una semplice delibera comunale, come è dimostrato da questo

link:file:///C:/Users/UTENTE/Desktop/STRISCE%20BLU/Formia%20strisce%20Blu%20esenzione%20disabili.pdf

Non riesco a spiegarmi come mai, Lanciano famosa nel mondo per il Miracolo Eucaristico, non permetta questa agevolazione alle persone costrette a vivere con le loro problematiche a volte di gravissime disabilità, come il sottoscritto, che ancora una volta nella sua città, uscendo da una visita medica è stato multato perché costretto a parcheggiare su questi stalli a pagamento. Anche perché se il comune pensa di incrementare le entrate con questo sistema sbaglia di grosso in quanto facendo il ricorso il giudice mi ha dato sempre ragione e il comune ha dovuto pagare una salata parcella al mio avvocato.

Aggiungo che Lanciano non ha solo questo problema che riguarda noi persone con disabilità, ma anche ad esempio non abbiamo ancora il diritto di scelta che ci permetta di avere un’assistenza personalizzata dove la persona disabile può scegliere come vivere e da chi essere assistito, questo è un nostro sacrosanto diritto sancito da numerose leggi ultima la convenzione ONU sui diritte delle persone con disabilita recepita anche dall’Italia ma che purtroppo spesso rimane solo sulla carta.”