Sulmona al Centro-Certo che Partecipo: “Ennesimo scivolone della giunta Ranalli a danno dei turisti”

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppPinterestLinkedInOknotizieEmailPrintCondividi

Alessandro PantaleoSULMONA – “Ci troviamo purtroppo a constatare l’ennesimo “scivolone” della Giunta Ranalli a danno dei turisti e dei cittadini sulmonesi che se dovessero trarre gli auspici per il nuovo anno dal modo in cui è stato loro consentito di salutare il 2015 ci sarebbe davvero da preoccuparsi. Non solo non è stato garantito alcun tipo di intrattenimento gratuito durante la notte di San Silvestro, come è dovere di un amministrazione pubblica, ma gli eventi annunciati presso il Palazzetto dello sport e in una struttura mobile in piazza Di Bartolomeo non hanno avuto luogo”.

Lo affermano in una nota Alessandro Pantaleo (foto), Daniele Del Monaco, Gianfranco Di Piero e Luigi Santilli, consiglieri comunali di Sulmona al Centro-Certo che Partecipo, che si chiedono “con quale credibilità la Giunta pensa di poter rispettare il proprio programma elettorale in cui figurava il turismo come uno degli assi portanti la ripresa di Sulmona quando si incorre in tali figuracce davanti agli occhi dei turisti e degli operatori del settore”.

“Con quale credibilità – domandano ancora Pantaleo e soci – si vuole candidare la nostra città a centro di attrazione territoriale o a capitale italiana della cultura quando si mancano appuntamenti importanti come le celebrazioni del Capodanno e gli unici intrattenimenti presenti in città sono dovuti all’opera di privati esercenti che hanno potuto in parte lenire la delusione degli sfortunati avventori delle feste promosse dal Comune”.

Gli esponenti dell’opposizione si dicono dispiaciuti di dover “sottolineare, ancora una volta, che l’assenza di una seria programmazione nell’organizzazione degli eventi e della consequenziale offerta turistica determina che alle manifestazioni annunciate non facciano seguito le concrete realizzazioni e che tutto si risolva in una logica minimalistica che evidenzia chiaramente il vuoto di competenze organizzative della Giunta, sicuramente non confacente al ruolo che Sulmona aspira ad esercitare”.