Obesità infantile: 1 bambino su 4 (23,1%) è in sovrappeso

I risultati del progetto di AMIOT “Mangia Bene, Cresci Bene”, volto alla sensibilizzazione verso l’alimentazione sana

obesita-infantile

Grande successo per la campagna itinerante volta alla prevenzione dell’obesità infantile “Mangia Bene, Cresci Bene”, realizzata nel passato anno scolastico 2015/2016. L’iniziativa ha affrontato una tematica di grande attualità nel nostro Paese, con lo scopo di aiutare genitori, figli e insegnanti a promuovere nelle scuole uno stile di vita sano supportato da una sana alimentazione.

È importante sviluppare una “cultura del cibo” che possa guidare verso le giuste scelte alimentari, senza per questo rinunciare al piacere della tavola, momento di condivisione con i propri affetti.

Il progetto, i cui risultati sono stati presentati ieri mattina presso il Ministero della Pubblica Istruzione, è promosso dall’AMIOT (Associazione Medica Italiana di Omotossicologia), in collaborazione con MOIGE (Movimento genitori), e con SIPPS (Società italiana di pediatria preventiva e sociale).

Dal suo avvio, nel febbraio 2015 ad oggi, l’iniziativa ha visto l’organizzazione di quasi 500 incontri in 265 scuole tra elementari e medie, per un totale di circa 23.500 studenti e 8.000 genitori coinvolti. I medici di AMIOT hanno fornito ai ragazzi e alle loro famiglie, tutte le informazioni necessarie sui principi di una corretta alimentazione.

I dati evidenziano che 1 bambino su 4 (23,1%), in una fascia di età compresa tra i 6 e gli 11 anni, è in sovrappeso; 1 su 10 (9,8%) è affetto da obesità infantile. I fattori che determinano l’obesità, oltre a quelli di natura genetica, sono principalmente legati al contesto socio-economico, a quello familiare e agli stili di vita; ma il dato più preoccupante, riguarda l’impatto dei genitori sull’alimentazione del bambino: dati emersi dal Censis, mostrano che solo il 44,7% di loro conosce le regole di una sana alimentazione.

Cesare Santi, Presidente AMIOT, ha commentato: “AMIOT ha promosso con convinzione l’iniziativa – Mangia Bene, Cresci Bene – e non poteva essere altrimenti, in considerazione del fatto che alla base della corretta prevenzione delle malattie vi è sicuramente il tema dell’alimentazione. Agire sui piccoli attraverso la prima medicina, che è il cibo, è un passaggio fondamentale per garantire la salute delle future generazioni”.

Per questo, con l’obiettivo di incidere positivamente su questa preoccupante realtà socio-sanitaria, l’iniziativa proseguirà anche nell’anno scolastico 2016/2017 e negli anni a seguire; e contemporaneamente alla conclusione di “Mangia Bene, Cresci Bene”, viene lanciata “Natura che Cura”, per aumentare la conoscenza degli studenti dai 9 ai 13 anni e delle loro famiglie, sul tema della prevenzione delle malattie attraverso un corretto stile di vita.