Omofobia, Boldrini: “Intolleranza ancora troppo diffusa, importante approvare la legge”

Laura BoldriniROMA – “L’intolleranza e la discriminazione legate all’orientamento sessuale sono ancora troppo diffuse. A scuola come al lavoro, nello sport e nei luoghi di socializzazione, al nord come al sud, in qualsiasi ambiente e classe sociale. Ma in una società che si definisce democratica costituiscono una violazione inaccettabile della libertà personale. La Giornata internazionale contro l’omofobia richiama l’attenzione sulla violenza che ancora oggi la comunità LGBT subisce, a partire da quei Paesi in cui l’omosessualità è un reato punito con la pena di morte, con il carcere o con i “campi di rieducazione”, come quelli recentemente denunciati in Cecenia”.

E’ quanto dichiara la Presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini (foto), che poi aggiunge: “In Italia sono stati fatti importanti passi avanti, come attesta la recente legge sulle unioni civili. Ma la pianta del pregiudizio, che talvolta si manifesta in forme brutali, resta difficile da sradicare.

È anche per questa ragione che ho voluto istituire a Montecitorio la ‘Commissione Jo Cox sull’intolleranza, la xenofobia, il razzismo e i fenomeni di odio’. Questa Commissione sta svolgendo una serie di audizioni che toccano anche l’omofobia e la transfobia, ed elaborerà a breve una serie di proposte per combattere l’odio anche a livello culturale e informativo.

Ma la risposta più urgente richiesta al Parlamento è la legge sull’omofobia, che fornirà uno strumento in più per contrastare penalmente la violenza e l’intolleranza. Il provvedimento, già votato in prima lettura alla Camera, è ora all’esame del Senato. E’ importante che si riesca ad approvarlo definitivamente entro questa legislatura”.