Palermo commemora le stragi di Capaci e Via d’Amelio

PALERMO – Oggi (23 maggio) 70.000 studentesse e studenti saranno protagonisti di #PalermoChiamaItalia, l’iniziativa organizzata dalla Fondazione Falcone e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per la commemorazione delle stragi di Capaci e via D’Amelio in cui hanno perso la vita, venticinque anni fa, i giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli uomini e le donne delle loro scorte, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Rocco DicilloVincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Antonio Montinaro, Vito Schifani e Claudio Traina.

Come ogni anno, due cortei animeranno le strade di Palermo, attraversando i principali luoghi della memoria della città. La partenza è alle ore 15.30 dall’Aula Bunker e alle ore 16 da Via d’Amelio. I due cortei si uniranno sotto L’albero Falcone in via Notarbartolo alle ore 17. Dopo l’arrivo dei cortei, ci sarà il momento solenne in ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e di Via d’Amelio.

Sul palco si esibiranno gli studenti e le studentesse della Scuola Amari Roncalli Ferrara di Palermo con la canzone “Palermitani’s Karma, quelli dell’Istituto De Amicis di Vibo Valentia con la filastrocca “A Giovanni, Paolo, Francesca e agli angeli della scorta” e l’artista Aida Satta Flores con due brani dedicati a Giovanni Falcone.

Oltre alle principali Autorità delle Istituzioni, si avrà il contributo di Vito Lo Monaco, del Centro Studi Pio La Torre, l’intervento del Consigliere del CSM Dr Luca Palamara e l’esibizione musicale di Ermal Meta.

Alle ore 17.55 saranno letti i nomi delle vittime delle stragi dal Presidente del Senato Pietro Grasso e alle ore 17.58, ora della strage di Capaci, verrà eseguito il Silenzio dal trombettiere della Polizia di Stato. A chiudere la celebrazione sarà Giuliano Sangiorgi, cantante dei Negramaro.