Palermo: a Melinda Miceli il Premio Arte Pentafoglio 2017

Il Premio Arte Pentafoglio 2017 per la cultura a Melinda Micelli, tra le maggiori saggiste nel panorama nazionale italiano

Melinda Miceli

PALERMO – A Palermo, presso il Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri, sono state conferite le Insegne del Premio Arte Pentafoglio a Melinda Miceli. La cerimonia si è svolta con l’unanime approvazione della Commissione Giudicatrice. Alla presenza dell’avv. Salvatore Sansone, direttore del Museo. Unitamente alla presenza del Sindaco del Comune di Castronovo di Sicilia, dott. Francesco Onorato.

Una cerimonia curata dalla Madrina Angela Carrubba Pintaldi. Prefetto di Premio Arte Pentafoglio. Artista e disegnatrice gioielli e accessori per Giorgio Armani, Diego della Valle, Chloé, Karan e le Rothschild.

Queste le motivazioni:

Riconoscimento a Melinda Micelli, perché spicca tra le maggiori saggiste nel panorama nazionale italiano. Per le sue autentiche, ricercate pubblicazioni letterarie sull’arte, la storia, l’urbanistica e la simbologia. Plurilaureata, giornalista, scrittrice, critica e storica dell’arte. Le sue fatiche sono apprezzate e indiscusse dal mondo accademico internazionale. Nobile la forza del progetto e il pensiero della Miceli, che avvicinano i cittadini all’arte a alla cultura.

Intervistato il presidente Paolo Battaglia La Terra Borgese sul riconoscimento di Premio Arte Pentafoglio a Melinda Miceli:

“Tracciare un profilo della studiosa Melinda Miceli è utile a certificarne prima di ogni altra cosa la percettibilità e la competenza nell’affrontare questioni cruciali. La filosofia, l’arte, la storia, l’urbanistica e la simbologia. In taluni studi più recenti, Miceli approfondisce il problema dei rapporti tra condizione, diritto e religione nella società. Con significativa attenzione all’ambiente dell’individuo. Alla tutela dei suoi diritti per l’accrescimento e la sua estensione spirituale”.

Premio Arte Pentafoglio:

Diretto ad elargire premi e onorificenze a Capi di Stato e di Governo, vertici delle Istituzioni Civili e Militari, Artisti, Letterati e Scienziati di chiara fama. Eccellenti operatori commerciali ed economici, alti prelati e comuni cittadini che, spesso nell’ombra, si sono impegnati nel volontariato in difesa dei diritti umani, della legalità e della pace.