Premio Gambelli 2018: il 14 febbraio a Montepulciano la proclamazione del vincitore

MONTEPULCIANO (SI) – Si avvicina l’attesissimo appuntamento con il Premio Giulio Gambelli, riconoscimento alla sua sesta edizione istituito da ASET (Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana) e IGP (I Giovani Promettenti, la blog network costituita da Lorenzo Colombo, Roberto Giuliani, Carlo Macchi, Luciano Pignataro, Angelo Peretti, Andrea Petrini e Stefano Tesi) destinato ogni anno al giovane enologo under 40 il cui lavoro abbia saputo incarnare al meglio l’idea di vino portata avanti dal grande Maestro del Sangiovese, Giulio Gambelli: esaltazione delle tipicità di ogni vitigno, delle caratteristiche del territorio e dell’annata vendemmiale.

Il nome sarà svelato come ormai da tradizione durante le anteprime vinicole di Toscana, con la cerimonia di premiazione ospitata quest’anno dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano nella giornata di mercoledì 14 febbraio. Un successo crescente quello del Premio Gambelli, che anche nell’edizione 2018 ha visto in gara tanti professionisti da tutta la Penisola selezionati grazie alle segnalazione del giornalisti di settore e, novità introdotta dal 2016, per autocandidatura.

Oltre alla targa ricordo al vincitore anche un assegno da 1500 euro, possibile grazie al contributo di alcune delle aziende di cui Giulio Gambelli è stato amico e consulente. Restano partner del concorso il Consorzio Vino Chianti Classico, il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, il Consorzio Vino Brunello di Montalcino e il Consorzio della Denominazione di San Gimignano. Il regolamento del Premio Gambelli è visionabile su www.asettoscana.it.