“Dimenticando Santorini” il sesto romanzo di Marta Lock

Mercoledì 15 marzo a Milano, avrà luogo l’evento per il lancio nazionale dell’opera

Prima di copertina Dimenticando Santorini

L’evento di presentazione del sesto romanzo di Marta Lock, “Dimenticando Santorini”, tenutosi nel Palazzo delle Associazioni in via Duccio da Boninsegna 21/23 a Milano, è stato patrocinato dalla Comunità Ellenica di Milano, dalla Società Filellenica Lombarda e dall’Unione Nazionale Mutilati in Servizio che concede la prestigiosa location; moderatrice d’eccezione la professoressa Gilda Tentorio, vice presidentessa della Società Filellenica. Il servizio fotografico a cura di Stefano Rizzi, le riprese video a cura di HiTech Multimedia di Nino Carè.

La Comunità Ellenica, guidata dalla presidentessa Sofia Zafiropoulou, ha voluto inserire l’evento nelle attività culturali dell’associazione, ed ha scelto di inserire dei balli delle isole Cicladi al termine della conferenza ed un buffet ai partecipanti.

Presenti alla serata anche il presidente della Società Filellenica, professor Massimo Cazzullo, il vice presidente della Comunità Ellenica, Nikos Sakkaris, e il presidente dell’Unione Nazionale Mutilati in Servizio, Antonio Amato.

“Dimenticando Santorini”

È un romanzo che parla di distacchi, di destini indissolubilmente legati anche se apparentemente distanti, di conflitti familiari – tra padre e figlia, tra sorelle -, di rinunce a sogni che poi però generano il rimpianto di non aver combattuto per essi, di scelte compiute per seguire una volontà esterna alla propria che a posteriori si rivelano sbagliate non tanto per ciò che hanno generato quanto perché non erano quelle che si sarebbero prese se non si fosse subita quella forte influenza esterna.

La storia inizia a Santorini, la meravigliosa isola greca che rimane per sempre nel cuore di Jade così come il sentimento puro e forte per Damian, nonostante la sorte decida di separarli, ed è nell’indimenticabile isola che il destino sviluppa le sue trame in un crescendo di avvicinamenti e nuove separazioni che permeano l’intero romanzo.

NOTA BIOGRAFICA MARTA LOCK

Marta Lock è nata a Terni il 30 dicembre 1970 ma vive e lavora a Milano dal 2001. Ha una sua rubrica personale, L’Attimo Fuggente sul sito www.martalock.net, sul quale scrive anche i suoi aforismi quotidiani che ha chiamato Pensieri della sera, finalisti per tre anni al Concorso nazionale di filosofia di Anpf Confilosofare. “Notte Tunisina” è il suo romanzo d’esordio del 2011, mentre “Quell’anno a Cuba”, il suo secondo lavoro, viene dato alle stampe nel 2012.

Ritrovarsi a Parigi, la sua terza opera, pubblicata nel 2013, ha vinto tre premi letterari nel corso del 2014, mentre Miami Diaries, il suo quarto romanzo uscito a marzo 2014, viene insignito di due premi. Dal novembre dello stesso anno cura la sezione Mostre d’Arte e la rubrica da lei ideata, Tavolozze Emergenti, prima per Alpi Fashion Magazine, di cui assume per sei mesi la carica di Direttore Editoriale, e successivamente per Ok Arte. Dal mese di dicembre 2014 le viene conferita la carica di Referente Regionale Ipermedia-Club degli Editoriali, l’Associazione nazionale di categoria dei professionisti della scrittura.

Nel 2015 pubblica la raccolta Pensieri per l’Arte dove associa 150 opere di pittori contemporanei ai suoi aforismi. Nel giugno del 2015 le viene conferito il Premio alla Cultura a Galatone Arte 2015, per il suo ruolo di interesse, impegno e promozione dell’arte in tutte le sue forme. A settembre 2015 esce la sua quinta opera, La sabbia del Messico. Nel mese di febbraio 2016 pubblica il suo primo saggio, Ricomincia da te. Dimenticando Santorini è il suo sesto romanzo.