Pubblica Amministrazione, i debiti ammontano a 58 miliardi di euro

bank denaro euroROMA – Una mole di debiti commerciali pari a 58 miliardi, di cui oltre la metà con tempi di pagamento in ritardo. E’ questa la situazione dei debiti della P.a. nel 2017, in base alla fotografia più recente, un’analisi di Banca Ifis presentata in occasione dell’ultimo Forum P.a., che evidenzia un miglioramento dei tempi di pagamento, che restano tuttavia superiori a quelli stabiliti dalla legge.

L’ammontare dei debiti in ritardo si riduce da 33 a 31 miliardi di euro sul totale dei 58 miliardi di debiti commerciali della P.a., con un generale miglioramento con ritardi fra i 27 e i 59 giorni sebbene si riscontrino situazioni gravi in Comuni e Province con picchi rispettivamente oltre i 300 e i 540 giorni. In particolare, rileva lo studio basato su dati Istat, Banca d’Italia e Mef, nel 2017 il 62% degli enti pubblici ha pagato in ritardo rispetto ai vincoli di 30/60 giorni imposti dalla legge.

Un dato in calo di 8 punti percentuali rispetto all’anno precedente grazie all’andamento delle Regioni (45% contro il 55% del 2016). Migliorano Asl, Comuni e Province (fra i quali pero’ si registrano situazioni di grave ritardo) mentre i ministeri sono in controtendenza: il 93% ha pagato in ritardo contro l’86% del 2016. Dal lato delle imprese lo studio certifica come le aziende fornitrici della P.a incassino 30 giorni più tardi rispetto a quelle dello stesso settore che pero’ lavorano con il comparto privato.

Sulla Fattura elettronica emerge come, dopo il boom della fase iniziale, circa 500 imprese al mese certificano online i propri crediti verso la P.A. sulla apposita piattaforma. Lo scorso anno quasi 1 milione di aziende fornitrici ha emesso almeno una fattura elettronica verso la P.a. Nel 2019 secondo il rapporto saranno circa 3,4 milioni di imprese a utilizzare la fatturazione elettronica.