Renzi: “Al voto in primavera o anche a ottobre”

ROMA – “Il terrorismo psicologico sulla necessità di un decreto a luglio, ce lo chiede l’Europa, è una barzelletta. Teoricamente si può votare ad ottobre, succede in Germania e in Austria, non si rischia l’esercizio provvisorio. Poi si può votare anche in primavera”.

Così l’ex premier Matteo Renzi a ‘Porta a Porta’, negando anche il rischio di instabilità. “Il Pd è un partito serio”, ha aggiunto il leader del Partito Democratico.

Poi una stoccata all’ex alleato Angelino Alfano: “Se dopo anni che sei stato al governo, hai fatto il ministro di tutto, non riesci a prendere il 5%, è evidente che non possiamo bloccare tutto”, ha detto Renzi in replica alle accuse del leader di Ap .

“Io impaziente? – ha chiesto Renzi – io potevo restare a Palazzo Chigi e invece me ne sono andato… ho l’impressione che sono loro che hanno paura, ma non è accettabile il veto dei ‘piccoli’ nel 2017”.