Siddharta – The Musical torna in Italia con quattro nuove date

Il 2 – 3 – 4 – 5 febbraio al Teatro Linearciak di Milano

Siddhartha - The Musical

A quattro anni di distanza dal grande successo di pubblico e critica ottenuto dal primo tour italiano, l’opera pop “Siddhartha – The Musical” torna in Italia per 4 nuove date. Il 2, 3, 4 e 5 febbraio 2017, al LinearCiak di Milano, andrà infatti in scena lo spettacolo nella sua nuova veste internazionale, con scenografie, costumi e coreografie rinnovate.

Tra i protagonisti dello show ci sarà l’attore italiano Edoardo Costa che, dopo essere stato protagonista della soap opera “Vivere”, oltre ad avere interpretato molteplici fiction e film in Italia e all’estero, torna sui palcoscenici teatrali italiani interpretando il prestigioso ruolo di Siddhartha anziano, narratore della storia.

È possibile acquistare in prevendita i biglietti sul sito di Ticketone e nei punti vendita autorizzati. È inoltre attiva una speciale promozione riservata agli studenti universitari, valida per tutte le date e tutti i settori del teatro.

È possibile richiedere il codice per aver diritto al 30% di sconto scrivendo info@linearciak.it.

“Siddhartha – The Musical”, prodotto da “Lilith Sa” Gloria Grace Alanis, rappresenta l’eccellenza italiana anche all’estero, grazie alle rappresentazioni internazionali a Edimburgo, Parigi, New York, Los Angeles e, la più recente, a Guadalajara in Messico.

Siddhartha è stato anche il primo musical interamente italiano distribuito da Broadway International Company, LLC, grazie a cui sono stati possibili tour nei più importanti paesi asiatici: India, Cina, Giappone, Corea, Brunei e molti altri.

Tratto dall’omonimo libro di Herman Hesse, il musical Siddhartha, scritto da Isabeau, Fabio Codega e Fabrizio Carbon, racconta la continua ricerca verso l’illuminazione da parte di un principe, interpretato da Giorgio Adamo, destinato al lusso e alla sola bellezza che, spogliandosi delle sue vesti, lascia il suo castello dorato per scoprire la vera essenza della vita e le ragioni della sofferenza.

Un susseguirsi di quadri ed emozioni che coinvolgono il pubblico e lo stupiscono fornendo spunti di riflessione: in un’epoca di crisi e di grandi trasformazioni socio economiche e valoriali, la storia di Siddhartha rivela il senso profondo del vivere e spinge ad occuparsi gli uni degli altri.

Lo spettacolo, messo in scena da un grande cast di cantanti e ballerini, rappresenta le grandi emozioni dell’esistere: la gioia della nascita, il fulgore della gloria, il dramma della morte, la strenua lotta della autentica ricerca interiore e la completa felicità nella ritrovata illuminazione.

Le musiche coniugano echi della antica cultura indiana e sonorità più contemporanee e, insieme alle scenografie e alle maxi proiezioni, avvolgono gli spettatori in un’esperienza multisensoriale.

Importante il contributo musicale di Beppe Carletti dei Nomadi, che firma un finale emozionante e coinvolgente, e del flauto di Osvaldo Pizzoli.