Silvio Berlusconi (Forza Italia): “Sono costretto a restare in campo”

Silvio BerlusconiMILANO – “Sono costretto a restare in campo, alla mia età, solo per amore dell’Italia, senza nessuna ambizione personale visto che sono ineleggibile e incandidabile”.

Lo dichiara il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, che torna ad attaccare il premier Matteo Renzi sul patto del Nazareno: “Lo voleva per costruire qualcosa che andava bene a lui”.

Per tale ragione, FI non voterà in Parlamento a favore della riforma costituzionale proposta dall’attuale governo, che l’ex Cavaliere ritiene illegittimo in quanto non eletto dal popolo.

“Con me in campo – ha aggiunto Berlusconi – Forza Italia può vincere le elezioni al primo turno; se io lasciassi Forza Italia, si ridurrebbe alla metà e diventerebbe il terzo polo, dopo PD e Cinquestelle e al ballottaggio gli elettori della Lega voterebbero i Cinquestelle. Sto cercando di fare una squadra nuova di Forza Italia senza rottamare nessuno, con persone che vengono dalla cosiddetta vita vera e dalla società civile. Sto cercando chi opera nelle imprese, nella sanità e nella cultura”.

FacebookTwitterWhatsAppGoogle+PinterestLinkedInOknotiziePrintEmailCondividi