Sisma, Salvini: “No a Vasco Errani commissario della ricostruzione”

Matteo SalviniAMATRICE – “Impariamo dagli errori del passato. In Emilia, in provincia di Modena e Ferrara, ci sono ancora 20mila edifici inagibili, più di 12 miliardi di euro che lo Stato ancora deve risarcire a famiglie e aziende agricole. Però quanti telegiornali ancora se ne occupano? Come Lega la prima proposta che abbiamo fatto a Renzi è concedere l’esenzione fiscale per almeno 3 anni alle popolazioni coinvolte dal sisma”.

Lo ha detto il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini (foto), a Radio Cusano Campus, esprimendo contrarietà all’ipotesi dell’ex governatore Vasco Errani come commissario della ricostruzione post-sisma nel Lazio e nelle Marche.

“Il governo – ha aggiunto Salvini – dice che non farà pagare il ticket sui farmaci, vorrei ben vedere, ci mancherebbe che glielo facesse pagare. Speriamo che non glielo vada a chiedere fra 6 mesi con gli interessi. Non dobbiamo ricommettere gli errori del passato”.

Eppure il premier Matteo Renzi non ha dubbi, e a Maranello (Modena), nella conferenza congiunta con la cancelliera tedesca Angela Merkel al termine del bilaterale Italia-Germania, ha annunciato che Errani sarà nominato oggi.

“La ricostruzione del post terremoto sarà affidata a Vasco Errani – così Renzi – E’ stato presidente dell’Emilia-Romagna che 4 anni fa ha subito un forte sisma ed ora è in piedi: scegliamo la stessa squadra”.

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi è arrivata così l’ufficialità sul nome di Errani, già commissario all’emergenza e alla ricostruzione nel sisma del maggio 2012.