Tentato assalto a portavalori sull’A14, il colpo fallisce grazie alla polizia

PoliziaROMA – C’erano 1,5 milioni di euro all’interno di un portavalori assaltato stamani, sull’autostrada A14, tra i caselli di Pescara Sud e Pescara Ovest, da un gruppo di malviventi che poi, grazie all’arrivo della Polizia, ha desistito dandosi alla fuga. In azione, poco prima delle 7, almeno quattro persone – secondo le testimonianze sarebbero italiani – tutte armate e incappucciate.

I rapinatori, a bordo di un furgone e di un’auto, hanno bloccato il portavalori, di un istituto di vigilanza di Ortona (Chieti), dopo aver minacciato con le armi il conducente di un mezzo pesante in transito, costretto a mettere il veicolo di traverso. I quattro, dopo aver sottratto le armi ai vigilanti, li hanno tenuti in ostaggio e hanno ‘tagliato’ il tetto del furgone blindato per accedere al vano di trasporto del denaro.

In quegli istanti è arrivata una pattuglia della Polizia Stradale di Vasto Sud e i malviventi sono stati costretti a scappare, non prima di aver sparato alcuni colpi. Mentre l’auto era fuori uso a causa delle bande chiodate da loro stessi posizionate, i rapinatori si sono allontanati a bordo del furgone, risultato rubato a Roma pochi giorni fa.

Il gruppo criminale è stato poi intercettato da una pattuglia della Polizia Stradale di Pescara Nord. Dopo un breve inseguimento, i quattro si sono fermati lungo l’autostrada, hanno di nuovo sparato e lanciato un ordigno incendiario contro il furgone, per poi fuggire a piedi nelle campagne circostanti. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito.

In stato di choc i due operatori dell’istituto di vigilanza, uno dei quali è stato accompagnato all’ospedale di Ortona. Proseguono le indagini e le ricerche da parte della Polstrada e delle altre forze dell’ordine, andate avanti per tutto il giorno anche con l’utilizzo di mezzi aerei.