Terrorismo, Brunetta: “Serve risposta Ue e New Deal europeo”

Renato BrunettaROMA – “Serve una riflessione non rituale e non retorica su quanto sta avvenendo. Abbiamo davanti a noi, oltre a quella terroristica, almeno altre due emergenze tra loro correlate. Quella dell’immigrazione e quella economica”. E’ quanto dichiara Renato Brunetta (foto), presidente dei deputati di Forza Italia, a proposito degli ultimi attentati terroristici.

“Contro la rete globale terroristica – aggiunge l’ex ministro – deve esserci per forza di cose, se si vuole essere vincenti, una risposta della stessa ampiezza geopolitica. Una risposta che sia allo stesso tempo economica, culturale, valoriale. L’Europa deve da subito tornare protagonista in campo economico, politico, militare, coinvolgendo in questo processo di ricostruzione anche gli alleati transatlantici, insieme con la Federazione Russa e, perché no, anche la Cina. Non c’è tempo da perdere. Al prossimo Consiglio europeo all’ordine del giorno devono esserci tre punti: una nuova Pratica di Mare promossa dall’Europa per rinnovare lo schema vincente del 2002, un New Deal europeo per rilanciare la crescita attraverso gli investimenti e la reflazione in Germania, che deve fare assolutamente la locomotiva dell’Europa”.

In altri termini, secondo Brunetta, serve “una nuova centralità non solo economica, ma anche politica, diplomatica e geopolitica del Vecchio Continente. Solo così si potrà evitare la Brexit, solo così si potrà dare una risposta credibile al terrorismo di matrice islamica. L`Occidente europeo non può più essere solamente quello dell`egoismo e della miopia della politica economica tedesca, che ha prodotto disoccupazione e impotenza geopolitica, ma deve tornare modello positivo di crescita, lavoro, produttività, solidarietà, accoglienza, democrazia”.