Thailandia: buone le opportunità immobiliari per gli italiani

ThailandiaBANGKOK – “Il mercato immobiliare è in continua espansione: il Paese del Sorriso (la Thailandia) e in particolare  l’isola di Phuket quale Perla del Sud Est Asiatico con il suo clima caldo tutto l’anno (24/42 gradi) è la meta turistica preferita di tutta l’area circostante dall’Australia, alla Cina senza dimenticare l’India, Hong Kong e Singapore. Per quanto riguarda l’Europa, gli Italiani seguiti da scandinavi, francesi e inglesi sono la maggioranza, diverse migliaia  sono i connazionali che si sono stabiliti in modo permanente o temporaneo nell’isola”.

E’ quanto spiega Stefano De Lucca, Affiliato Tecnocasa dal 2010.

“Il turismo e l’investimento immobiliare – afferma De Lucca – si concentrano per la maggiore parte a Patong Beach senza dimenticare Kata, Karon e Kamala. Nel I semestre 2016 i prezzi  si sono stabilizzati, dopo 2 anni di continua rivalutazione (circa il 10% l’anno), l’offerta è vasta e copre tutti i vari bisogni; le metrature partono dal monolocale di 30 mq fino alla villa di 500 mq, tutte le unità sono consegnate completamente arredate”.

I prezzi variano molto a seconda della posizione e della località balneare: Prezzi monolocale: da 1.500 euro al mq, bilocale: da 2.000 euro al mq.

“All’investimento immobiliare tradizionale – specifica De Lucca – effettuato come acquisto per utilizzo residenziale o di vacanza, negli ultimi 2 anni si è aggiunto l’acquisto come investimento finanziario per vacanza, questa nuova soluzione permette di utilizzare l’unità immobiliare per la vacanza e nello stesso tempo godere  di una  rendita garantita netta annuale che va dal 5% al 7% per un periodo di anni tra 3 e 15 anni.

Tanti italiani, di tutte l’età, si stabiliscono a Phuket; i pensionati peraltro ricevono la pensione italiana lorda (nessuna tassa viene applicata grazie ad un accordo bilaterale tra Italia e Thailandia), ed in media acquistano appartamenti dai 30 ai 70 mq.

Interessanti sono anche le opportunità commerciali: bar, ristoranti, alberghi, negozi, molte sono le attività gestite da italiani ed europei.