Torino, maxi sequestro di capi di abbigliamento contraffatti

Torino frodi commercialiTORINO – Nei giorni scorsi i Finanzieri del Comando Provinciale di Torino hanno effettuato importanti interventi operativi finalizzati al sequestro di diverse tonnellate di filato acrilico e di migliaia di capi d’abbigliamento falsamente etichettati con indicazioni proprie dei filati di pregio.

L’operazione ha avuto inizio quando i “Baschi Verdi” del Gruppo di Torino hanno effettuato diversi sopralluoghi in alcuni negozi, tutti gestiti da imprenditori cinesi, siti in Grugliasco (TO) ed in provincia di Asti. Nell’occasione, i Finanzieri hanno effettuato, in via riservata, dei prelievi di campioni per le successive analisi effettuate dal laboratorio chimico “BuzziLab” di Prato.

Gli accertamenti tecnico scientifici hanno consentito di acclarare la non conformità di quanto indicato sulle etichette merceologiche; infatti, la lana ovvero altri filati pregiati quali “Mohair”, “Cachemire”, “Alpaca” e” Merinos”, in alcuni capi erano decisamente inferiori, se non addirittura assenti, rispetto ai valori indicati.

Pertanto, ipotizzandosi il reato di frode in commercio ed individuati i fornitori dei capi di abbigliamento mendaci nella zona industriale di Prato inoltravano alla Procura della Repubblica di Torino apposita richiesta di emissione di Decreti di perquisizione.

Ottenuti i provvedimenti dalla citata Autorità Giudiziaria, ne veniva data esecuzione, anche in collaborazione con i competenti Reparti del Corpo, in Grugliasco (TO), in Castell’Alfero (AT) ed in Prato. Sono stati, pertanto, sequestrati oltre 13.000 capi d’abbigliamento con false etichette, 9 tonnellate di filato acrilico destinato alla illecita composizione della maglieria, 37 macchinari impiegati nella frode e circa 25.000 etichette e imballaggi con indicazioni merceologiche mendaci per un valore superiore a 600.000,00 euro.

Per 4 imprenditori cinesi è scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria per Frode in Commercio e la comminazione di sanzioni fino ad un massimo di euro 5.164,00. Gli interventi dei giorni scorsi hanno visto i Finanzieri di Torino impegnanti in un’attività di contrasto a tutte quelle forme di concorrenza sleale, che hanno avuto quale obiettivo la tutela del consumatore finale, al fine di infondere la certezza, che si può acquistare in modo conveniente, sicuro e legale, preferendo i punti vendita cittadini che hanno storia, tradizione e qualità e soprattutto che rispettano e tutelano il consumatore.