Totoministri a Cinque Stelle, Di Maio si prepara ad annunciare la squadra

ROMA – Una squadra di una ventina di ministri che verrà resa nota a scaglioni a partire dalla prossima settimana per culminare il 2 marzo nella serata di chiusura della campagna elettorale in piazza del Popolo a Roma con Luigi Di Maio e Beppe Grillo. Una squadra ‘mista’ di nomi ‘politici’ interni al M5S e di nomi esterni, tutti pensati per superare il vaglio del Quirinale cui spetta l’ultima parola. Le donne occuperanno, secondo i pentastellati, dicasteri chiave.

Tra i più vicini a un incarico nell’ipotetico governo Cinquestelle (nei ruoli che vanno da ministri a sottosegretari) sono dati in pole position i parlamentari Riccardo Fraccaro, Alfonso Bonafede, Laura Castelli, Roberto Fico, Paola Taverna, Manlio Di Stefano. Tra le new entry più quotate, anche l’ex consigliere regionale lombardo Stefano Buffagni – ora candidato in Parlamento – e la consigliera comunale di Pescara Enrica Sabatini che però è di recente entrata a far parte dell’associazione Rousseau al posto dell’eurodeputato David Borrelli.

Nel totoministri, fra gli esterni compaiono i nomi di Vincenzo Spadafora (ex portavoce Unicef e uomo dello staff di Luigi di Maio) e Lorenzo Fioravanti, entrambi già candidati in Parlamento. Secondo Roberto Fico la fine del riserbo sulla formazione di governo è questione di “pochi giorni”. “Anche se fossero 4 o 5 giorni prima del voto, almeno con noi i cittadini potranno conoscere i nomi dei ministri prima delle elezioni”, sottolinea il deputato campano. E annuncia che nel novero dei ministri potrà esserci qualche “novità”.

Non è un mistero che Di Maio annunciò già in autunno la creazione di un ministero ad hoc per i Rapporti con l’Europa e all’epoca il candidato più papabile risultava l’economista Marcello Minenna, ex Consob, uscito sbattendo la porta dal Campidoglio, dove ha ricoperto per qualche mese la carica di assessore al bilancio.

Per dimostrare che il Movimento 5 Stelle ha tutta l’intenzione di entrare a palazzo Chigi, il candidato premier del M5S Luigi Di Maio propone su Facebook la seconda ‘convergenza di governo’: il vincolo di mandato, definito “l’unico vero antidoto alla piaga dei voltagabbana che ammorba il Parlamento da anni”.