‘Way Down In The Jungle Room’, in due cd le ultime registrazioni da studio di Elvis Presley

ElvisMILANO – ‘Way Down In The Jungle Room’, la raccolta definitiva delle ultime registrazuioni di Elvis Presley in 2 cd, uscirà il prossimo 5 agosto.

Alla metà degli anni ’70 Elvis, Il Re del Rock ‘n’ Roll, comincio’ una nuonva avventura, al tempo pioneristica: fu uno dei primi artisti legati a una Major che comincio’ a produrre album a livello professionale nell’intimità del suo studio, in casa.

Con registrazioni originali che vede Elvis quale produttore esecutivo insieme a Felton Jarvis, ‘Way Down In The Jungle Room’ mette insieme, per la prima volta in un solo prodotto, master originali e rare registrazioni, generate durante 2 mitiche sessioni (Febbraio 2-8, 1976 e ottobre 28-30, 1976) a Graceland – nella “Jungle Room” – che fu convertita in un vero e proprio studio di registrazione professionale per registrare, appunto, queste indelebili sessioni.

Le registrazioni sono state rimissate da Matt Ross-Spang, vincitore del Grammy, presso lo studio Sam Phillips Recording a Memphis, Tennessee.

Per queste sessioni, Elvis fu accompagnato da molti componenti della sua band in tour quali: James Burton (guitar), Ronnie Tutt (drums), David Briggs (keyboards), Glenn D. Hardin (keyboards), Jerry Scheff (bass), Norbert Putnam (bass) e J.D. Sumner & the Stamps (vocals).

Nel1976, quando le tracce Way Down In The Jungle Room vennero editate, Elvis Presley era un artista della RCA Records recording ormai da 20 anni, inventando I suoni e gli atteggiamenti che definirono la vera essenza del rock ‘n’ roll. Nello stesso anno la RCA pubblicò la prima raccolta ufficiale del grandioso periodo di Elvis, 1954-1955, periodo che lanciò la carriera dello stesso e che… trasformò il mondo!

Entrato nei ’40, Elvis si evolveva anche come artista e non volendo restar legato alla nostalgia dei suoi fantastici anni 50, cercava nuovi modi di espressione musicale. Nel bisogno di creare nuovi suoni per una nuova era, Elvis Presley – che al tempo era nelle chart radiofoniche adulte e country- decise di convertire la sua Jungle Room a tema Hawaiiano in uno studio informale ma professionale, dove avrebbe potuto registrar brani e sessioni musicali come piaceva a lui…senza budget e senza la prssione calanderizzata degli studi dove aveva registrato in precedenza.

Con l’aiuto del mezzo mobile di registrazione della RCA, del produttore Felton Jarvis e dell’ingegnere del suono Mike Moran, Elvis si cimento’ inizialmente in varie cover pop (“Blue Eyes Crying in the Rain,” “I’ll Never Fall in Love Again,” “Danny Boy,” “Solitaire”) e alcuni suoi classici quali “Moody Blue” e “Way Down.”

10 master di registrazione furono pubblicati nella primavera del 1976 in From Elvis Presley Boulevard, Memphis, Tennessee, inclusa la hit “Hurt. Altre tracce furono incluse in alcuni live nel luglio 1977 (un mese prima della sua morte August 16) nell’album Moody Blue album. La traccia che da il titolo all’album fu al top delle chart quel mese, Seguì “Way Down”. Questi furono gli ultimi album pubblicati con Elvis in vita.

Secondo il produttore dell’album, “Way Down In The Jungle Room è stata risequenziato per dare una nuova freschezza al materiale”. “il contenuto del disco 2 “ The Outtakes” è stato rimissato presso i Sam Phillips Recording Service a Memphis e include sia degli outtakes che “in-the-studio dialog”, consegnandoci una vision realistica di cio che accadde durante le sessioni” fa eccezione la traccia 13 (“She Thinks I Still Care”), la registrazione è stata inserita e sequenziata nell’ordine nel quale era stata registrata.

‘Way Down In The Jungle Room’ sarà disponibile anche in doppio vinile 150 grammi.