L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

DONNA KARAN NEW YORK SPRING SUMMER 2014 – HAUTE HIPPIE

Donna Karan Spring Summer 2014 New York: Hippy Glam in stile Santa Fe

Facile esotismo sulla passerella di New York Donna Karan. Per la collezione primavera estate 2014, la stilista attinge a terre tribali ed esotiche come influenze per i suoi disegni.
È una tavolozza con una neutralità calda e speziata. I colori sono quelli della terra, ci sono quindi il rosso argilla, l’arancio fiamma, l’ambra bruciata, il tabacco, il caramello, la terracotta e il crudo zaffiro, l’oro tipico del deserto e poi le fantasie tutte accordate in grafismi che sono un autentico sogno glamour. In queste energiche stampe dall’effetto dipinto a mano, c’è un ritmo tribale che non può procedere disatteso e trova la sua massima espressione nelle tuniche.
Questa collezione è intrisa di un tipo di sapore ‘safari’ e un'aria bohemien che è molto sexy e rilassata. Donna Karan ama l’artigianato e la passerella ne riflette l’affinità. Punto di partenza sono state per la designer alcune sciarpe stampate scovate in India. Le ritroviamo trasformate in abiti languidi di jersey stretch e geoergette, indossati con grandi cinture di pelle basse sui fianchi, giacche e soprabiti morbidi. Nel programma che accompagna la sfilata, Donna Karan afferma che il punto di partenza per la collezione è stato il desiderio di esprimere “la sensualità e la naturalezza di un foulard stampato a mano”.
I tagli degli abiti sono poi estremamente cittadini e consegnano un look city-ready con un tocco ancestrale. Le forme assecondano abiti fluidi, morbidi e senza costrizioni. Le lunghezze accompagnano comodi cappotti al ginocchio dalla linee squadrate e orli asimmetrici.
La camicetta bianca è oversize e indossata sbottonata su una gonna (d’ispirazione gipsy) in un sontuoso intreccio effetto 3D. La stessa allure naturale ritorna in una serie di fluidi abiti a portafoglio con scollo a V, spacco frontale e realizzati in jersey elasticizzato.
A complemento del prêt-à-porter, gli accessori: cappelli flosci in pelle a falda extra larga che aggiungono crudezza alle curve sinuose della stilista. Sandali alti con listini. Borse a mano squadrate in pelle robusta e borchiata. Piccole borsette a tracolla. Ampie cinture di pelle marrone portate lente sui fianchi e collane con pendenti inseriscono solidità e completano i capi.
Donna Karan ha dimostrato in questa stagione di sfilate di essere molto attratta dalla giungla. Con il brand più giovane DKNY ha portato in scena quella metropolitana, con uno street style molto moderno, perfetto per le ragazze che adorano la moda e desiderano avere un look personale ed esclusivo. Donna Karan New York (la sua linea principale) punta ad un pubblico più maturo e lo fa mischiando le tendenze e le esigenze newyorchesi a influenze tribali, quasi indiane.
Un mix ‘luxe hippie’ che sembra essere messo tutto insieme, così senza sforzo. Il risultato è molto suggestivo. Da amare le influenze culturali provenienti da tutto il mondo che sono state fuse nello stesso tempo e le combinazioni di colori, il tutto legato a splendidi drappeggi di tessuti fluenti.
Il risultato è una silhouette naturale e morbida e suggestioni da hippie benestante in stile Santa Fe.
Credits: © Courtesy of Donna Karan Press Office
(di Rosalba Radica - del 2013-10-30) articolo visto 3732 volte
sponsor