L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

LA CONTINUA ESPANSIONE CINESE: I RAPPORTI TRA IL CONTINENTE ASIATICO E LA MACEDONIA, RUSSIA, BANGLADESH E IL LAOS

Una serie di incontri all’insegna di uno sviluppo reciproco

La Cina e la Macedonia hanno concordato nelle scorse ore il rafforzamento delle loro relazioni e la cooperazione sostanziale in vari settori Questo impegno è stato preso durante l'incontro tra il vice presidente cinese Xi Jinping e il suo omologo macedone Gjorge Ivanov, mentre era in viaggio in Cina per partecipare alla 14 ° Fiera Internazionale della Cina occidentale.
Xi ha elogiato il rapporto sempre più saldo tra i due paesi dopo l'istituzione di relazioni diplomatiche iniziate già 20 anni fa, aggiungendo che le relazioni sino - macedoni sono state finora caratterizzate da un alto livello di scambi frequenti, che hanno consolidato la reciproca fiducia politica e la cooperazione in tutti i campi.
Lo stesso Xi ha detto inoltre che la Cina attribuisce grande importanza alle relazioni sino - europee, ed è molto attenta alle questioni che riguardano i paesi dell'Europa centrale e orientale per lo sviluppo europeo. In questo senso, ha ribadito, la Cina spera di svolgere pienamente la sua cooperazione con i paesi dell'Europa centrale e orientale, come una piattaforma per promuovere la sua ampia cooperazione con l'Europa.
Ivanov da parte sua, ha replicato che il popolo macedone apprezza molto l’amicizia con il popolo cinese e i due paesi hanno sempre mantenuto una buona cooperazione nei settori politico, economico e culturale, così come negli affari regionali e internazionali. Il ministro macedone, ha aggiunto che la Macedonia ha accolto favorevolmente gli investimenti cinesi nel proprio paese ed ha confermato l’intenzione di fornire loro un ambiente favorevole. La Macedonia, ha infine sottolineato, si sta anche impegnando a fare sforzi attivi per promuovere le relazioni tra Europa e Cina, e tra l'Europa orientale e la Cina centrale e orientale.
L’impegno del governo cinese continuerà nell’ambito del prossimo incontro che avverrà tra i capi di governo russo e quello cinese nel quale rafforzeranno l'attuazione della cooperazione bilaterale pragmatico. Questo è quanto ha affermato a Xinhua l'ambasciatore russo in Cina, Andrei Denisov. Il primo ministro russo Dmitry Medvedev è in visita ufficiale in Cina in questi giorni invitato dal suo omologo cinese, Li Keqiang. per la 18° riunione ordinaria dei capi di governo dei due paesi.
I due leader discuteranno la cooperazione bilaterale nei settori dell'economia, del commercio e di scambi culturali oltre che lo scambio di opinioni su importanti questioni politiche, con l’approfondimento di tematiche come l'energia, gli investimenti e la cooperazione a livello locale. Dopo il suo insediamento come capo di stato, il presidente cinese Xi Jinping ha scelto la Russia come destinazione del suo primo viaggio all'estero.
Durante il suo incontro, avvenuto lo scorso mese di marzo, Xi e Vladimir Putin hanno elaborato una tabella di marcia per lo sviluppo del partenariato strategico globale di cooperazione tra i due paesi. In quel contesto i due paesi hanno concordato di aumentare il volume degli scambi annuali di 100 miliardi entro il 2015 e $ 200 miliardi entro il 2020. Cina e Russia hanno collaborato anche nella lotta contro le inondazioni, come nel caso della catastrofe in Estremo Oriente russo e nel nord-est della Cina. I due paesi stanno anche lavorando sulla preparazione per l'Anno della Cina - Russia relativi agli scambi di giovani nel 2014 e nel 2015.
Chen Yurong, specialista in Europa e Asia Centrale Studi presso l'Istituto di studi internazionali in Cina ha riferito che le relazioni tra i due paesi sono entrati in una nuova fase nella domanda globale di cooperazione pragmatica. Altrettanto importante è stato l’incontro tra la Cina e il Bangladesh relativo al corridoio economico BCIM. Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha incontrato, infatti, nei giorni scorsi il ministro degli esteri del Bangladesh Dipu Moni a Pechino per promuovere il corridoio economico Bangladesh - Cina - India – Myanmar (BCIM). Wang Yi ha detto che la Cina ha da sempre una storica amicizia con il Bangladesh e attribuisce grande importanza alle relazioni sino - Bangladesh.
La Cina considera il Bangladesh come un naturale e importante partner per l'apertura della Cina verso l’area occidentale. Egli ha detto che la Cina è pronta a intensificare e mantenere le visite ad alto livello, oltre ad approfondire la cooperazione pragmatica e promuovere la costruzione del corridoio economico della BCIM con il Bangladesh. La Cina si auspica che i due paesi si impegnino a promuovere gli scambi tra i due popoli, come la cooperazione e il coordinamento sulle questioni regionali e internazionali.
Dipu Moni in risposta, ha confermato che il Bangladesh attribuisce grande importanza alle relazioni bilaterali e ha ringraziato la Cina per il suo sostegno e il prezioso sostegno allo sviluppo socio - economico del Bangladesh, ha infine assicurato che il Bangladesh potrebbe sostenere e partecipare attivamente alla costruzione del corridoio economico BCIM e di unire i propri sforzi con la Cina per rafforzare complessivamente le relazioni bilaterali.
Infine, in questo periodo di grande attività del governo asiatico è giusto ricordare che la Cina è il più grande investitore straniero in Laos, dati relativi ai primi 11 mesi del progetto 2012-2013, con un valore accumulato di oltre 1,33 miliardi dollari, ha riferito nelle scorse ore l'agenzia di stampa statale del Laos. Durante questo periodo, la Thailandia è stato il secondo più grande investitore straniero con 416 milioni dollari, secondo il Ministero della Pianificazione e degli Investimenti del Laos. L'energia, è il settore che ha ricevuto la maggior parte degli investimenti, con 1,56 miliardi dollari, seguito dal settore minerario, con 1,09 miliardi dollari. L'investimento più importante nel settore dell'energia è stato concretizzato nella costruzione del progetto idroelettrico Ngiep Nam 1, pari a più di 868 milioni dollari.
La costruzione della diga avrà inizio nel 2014 e dovrebbe essere completato entro il 2019. La diga fornirà una capacità di 290 megawatt. Il governo del Laos ha fissato un tasso di crescita obiettivo dell'8 %, che richiede un investimento di almeno $ 1,7 miliardi.
Foto: Dipu Moni in visita in Cina fonte french.nevs.cn
(di Maurizio Piccirillo - del 2013-10-30) articolo visto 4463 volte
sponsor