L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 
Marocco

MAROCCO, UN PAESE IN CONTINUA ESPANSIONE

Il secondo paese africano più attraente per gli investimenti esteri diretti e nuova frontiera del turismo

Da un rapporto della Banca africana di sviluppo, si apprende di economie africane che stanno crescendo più rapidamente di altri continenti così, soprattutto dopo l'esaurimento delle economie asiatiche. A questo proposito, è interessante sapere che dei 54 paesi africani, 26 hanno ormai raggiunto lo status di paesi a medio reddito.
Secondo l'ultima edizione della rivista del gruppo Financial Times, IED Intelligenza, il Marocco è diventato il secondo stato più attraente in termini di investimenti diretti esteri (IDE) nel continente africano dopo il Sud Africa e l' Egitto. L’IDF intelligenza ha analizzato questi dati in una relazione dal titolo "Paesi Africani del futuro 2013/14", per diversi fattori, tra cui il potenziale economico, l'ambiente di lavoro e le condizioni salariali, la competitività, le infrastrutture e tutti quei servizi legati al business.
Nel 2013, si è notato che anche la Nigeria e il Botswana stanno entrando nella top 10 e il Sud Africa attira quasi un quinto degli investimenti esteri diretti in tutto il continente. Tornando al Marocco, è curioso sapere che nel 2012, gli IDE nel paese ammontavano a 4,6 miliardi dollari portando alla creazione di 14.000 posti di lavoro e nonostante un calo del 17% dei suoi investimenti diretti esteri, nel 2012, il Marocco aveva 8,3 % della “torta” del continente. Sulla situazione è intervenuto Ahmed Fassi Fihri, il Presidente della Investment Development Agency marocchino (MIDA), che ha sottolineato il fatto che il Marocco attrae investitori che vengono per guadagnare punti per la competitività e per la produzione in Marocco e ri-esportazione dal Marocco.
Fassi Fihri ha anche osservato che le entrate da afflussi di IDE per quanto riguarda il periodo 2010-2012 ammontano a 30 miliardi di dirham, che rappresenta un "significativo salto di qualità dal 2000. Inoltre, nel 2012, ben 70 progetti marocchini hanno attirato capitali stranieri, che hanno consentito al paese di avere una crescita degli IDE del 10% rispetto al 2011. Attualmente ci sono alcune nicchie in Marocco che continuano più di altre ad attirare un maggior numero di investitori, come il settore bancario/finanziario e il settore ha del turismo.
Relativamente al settore energetico, al fine di ridurre la sua dipendenza dall'esterno (il paese importa oltre il 90 % del suo fabbisogno energetico), il governo marocchino ha deciso di per una nuova strategia. Quasi il 20% della produzione nazionale di energia elettrica dovrebbe provenire da fonti di energia alternative, a partire da energia solare ed eolica. E grazie al settore turistico, al fine di raggiungere il suo obiettivo di ospitare 12 milioni di turisti entro il 2016, l'Ufficio Nazionale per il Turismo del Marocco (ONMT), ha previsto un tasso di crescita medio annuo è di circa l'8%. In termini economici, il turismo in Marocco rappresenta il 7,2% del PIL, generando il 20 % delle entrate in valuta estera a livello mondiale e ha il 2,5 % dei prestiti bancari.
Secondo l'Osservatorio del turismo marocchino, che ha appena pubblicato i risultati del Barometro del turismo per il terzo trimestre, l'indice di attrattività del Marocco, è dovuto dalla soddisfazione e dall’interesse nel tornare da parte dei turisti e dai vantaggi che gli stessi hanno rispetto ad altre destinazioni turistiche, fattori che hanno fatto raggiungere al Marocco, un punteggio di 89 punti (su 100) relativo al gradimento. Questo punteggio indica che la destinazione Marocco gode di una forte attrazione per i turisti internazionali. In relazione a questi dati, l’Osservatorio per il turismo marocchino, ha notato che ogni turista ha speso circa 968 dirham a notte durante la sua visita in Marocco nel 2013, su una media 8,3 notti.
Gli arrivi turistici hanno raggiunto 8,6 milioni a fine ottobre 2013, contro gli 8.000.000 dello stesso periodo del 2012, con un incremento del 7 %. Tale incremento si è riflesso in totale pernottamenti in esercizi ricettivi turistici classificati, che sono aumentati del 9% rispetto allo stesso periodo del 2012. Secondo i dati del Ministero del Turismo del Marocco, il Marocco ha ospitato 1,8 milioni di turisti spagnoli, un aumento del 4% alla fine di ottobre 2013 rispetto allo stesso periodo del 2012. Stimato alla fine del 2013 si aspettano di raggiungere 2.060.000 di turisti. Allo stesso modo, l'obiettivo di crescita per questo mercato nel quadro del piano d'azione 2014-2016 per la promozione è di attirare 2,6 milioni di turisti spagnoli alla fine del 2016, un obiettivo di crescita di circa il 26%.
Secondo Expedia Spagna, una società che opera diverse agenzie di viaggio online, il Marocco è la destinazione per i turisti spagnoli fuori dall'Unione Europea (UE), dopo gli Stati Uniti. Anche i turisti britannici fanno parte dell’affluenza turistica in Marocco, e anche i belgi sono tra i primi cinque paesi che amano il paese nord africano e secondo l’organo d’informazione belga "Le Soir", il Marocco continua a crescere in termini di attrazione turistica. Notizie curiose, dunque, che fanno vedere come il continente africano continui e, anzi, raddoppia lo sviluppo nel settore turistico.
[Foto cartina del Marocco fonte: www.lindipendenza.com]
(di Maurizio Piccirillo - del 2014-01-16) articolo visto 6580 volte
sponsor