L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 
Serie B logo

FANTACALCIO: GRIGLIA DI PARTENZA DELLA SERIE B, CATANIA IN POLE

I siciliani sono favoritissimi nella lotta alla promozione, seguiti da Bari, Latina e Livorno, mentre, in coda, rischiano Brescia, Ternana, Lanciano, Avellino e Varese

ROMA - Il 7 agosto verrà ufficializzato il calendario della serie B 2014/2015, che inizierà il 29 agosto. La novità di stagione è rappresentata dal fatto che quest'anno le squadre in gara saranno 21. Si è deciso, infatti, di non sostituire il Siena che, questa estate è fallito. L'obiettivo è riportare il torneo cadetto alle 20 squadre, come era stato fino al 2003. In ottica gare, significa che ogni squadra, nell'arco della stagione, godrà di due turni di riposo extra. Vedremo cosa ciò comporterà. A circa tre settimane dall'inizio del torneo, è, però, già tempo di bilanci. Diamo, quindi, un primo giudizio sul mercato e gli obiettivi delle 21 squadre di serie B.

GIOCA ONLINE CON I PROTAGONISTI DELLA SERIE CADETTA - Prima di passare all'analisi delle protagoniste del prossimo campionato uno sguardo ad una novità che è possibile trovare online su sito www.fantacalciob.it. Si tratta di uno nuovo prodotto della famiglia Fantamagic, che dal 2002 realizza tornei online sul Fantacalcio di Serie A e da alcuni anni impegnata anche nella versione PRO a premi. Nelle vesti di un allenatore si sfideranno avversari nella rete a suon di gol con il proprio "dream team" costituito da 25 giocatori (3 portieri, 8 difensori, 8 centrocampisti e 6 attaccanti) avendo a disposizione un budget di 300 crediti. Costituita una rosa ogni giornata si sceglieranno gli 11 da mandare in campo. Il tutto tramite comode tendine per la selezione. Scontri diretti con promozioni e retrocessioni animeranno i gironi da 22 squadre che si andranno a costituire. Un modo per vivere più da vicino il campionato cadeddo senza alcuna spesa.

POLE POSITION - Non vi è dubbio che il Catania sia la squadra favorita del torneo. Gli etnei hanno un organico di prim'ordine con molti giocatori rimasti della scorsa serie A, cui sono stati aggiunti giocatori di spessore come Calaiò e Rosina. I rossoazzurri sembrano destinati a ricalcare le orme del Palermo dello scorso anno. La promozione non può e non dovrebbe sfuggire.

PRIMA FILA - Il Bari è senza dubbio la squadra che, dopo il Catania si è mossa meglio. Sono arrivati giocatori del calibro di De Lucam Ligi e Stoian, solo per fare qualche nome e il tutto è stato affidato a Mangia, voglioso di riscatto dopo l'agrodolce esperienza allo Spezia. L'entusiasmo del pubblico dovuto alla nuova proprietà, assicurerà lo stadio sempre pieno (e l'anno scorso, nel finale, si è visto quanto conta il calore del pubblico biancorosso). Starà ora alla squadra, trasformare questa carica positiva nel massimo risultato possibile.

SECONDA FILA - Latina e Livorno guadagnano la seconda fila del torneo cadetto. I laziali hanno visto sfumare la promozione all'ultimo ostacolo lo scorso anno, ma sono subito ripartiti, “scippando” il Siena dell'allenatore (Beretta) e di alcuni suoi fedelissimi (Valiani, Dellafiore e Angelo). L'obiettivo è di ritentare subito la scalata alla serie A. Lo stesso del Livorno che vuole dimenticare il più in fretta possibile la retrocessione. Perso Paulinho, ma ritrovati Galabinov e Moscati, Spinelli si augura che il gioco spumeggiante di Gautieri, possa riportare fiducia ed entusiasmo in un ambiente depresso.

TERZA FILA - Modena e Spezia sono in terza fila nella corsa promozione. I “canarini”, dopo aver disputato i playoff lo scorso anno, provano quanto meno ad eguagliare il risultato dello scorso anno. Non sarà facile, perchè la squadra ha perso Babacar e Mazzarani. Novellino, ha però riavuto Granoche e ora tenterà di far esplodere Beltrame. Chi non si accontenta dei playoff, ma cerca la promozione è il rinnovato Spezia. Qui, l'incognita è rappresentata dall'allenatore, il croato Bjelica. La squadra è stata ben costruita, ingaggiando, mantenendo in attacco il temibile duo Ebagua-Giannetti. Basterà per centrare finalmente l'agognata promozione? I tifosi ci sperano.

QUARTA FILA - Il Bologna e il Perugia sono, per noi, in quarta fila. É vero, i felsinei, per tradizione e blasone non possono non lottare per la promozione, ma la verità è che la squadra ha buchi ovunque ed un mercato che continua a fare i conti con i problemi economici. Gli arrivi di Lopez in panchina e dei vari Maietta, Cacia, Matuzalem e Troianiello non possono bastare per una squadra che ha un ambiente in ebollizione. Se Lopez non parte subito forte, il fragile castello rossoblù, rischia di colare a picco. Per il Perugia, vale il discorso inverso. Grande entusiasmo dopo la promozione, una squadra che gioca un calcio piacevole ed alcune individualità, come Fabinho, integrate con acquisti intelligenti come Verre, Taddei e Falcinelli. Gli umbri possono essere la grande sorpresa del Pescara.

QUINTA FILA - In quinta fila mettiamo Carpi e Pescara. Le due squadre hanno fatto fin qui un mercato intelligente, affidandosi a due allenatori (Castori per gli emiliani e Baroni per gli abruzzesi) in grado di coniugare risultati e bel gioco. Il Carpi, che già lo scorso anno fece bene, ha ingaggiato giocatori interessanti come Lasagna, Gatto e De Silvestro. Stessa cosa per il Pescara che, al di là del colpo a effetto Mathias Pogba (se sarà utile o meno solo il tempo lo dirà) ha preso giovani del calibro di Appekt Pires e Da Silva. Gli abruzzesi quest'anno sono chiamati, per lo meno, a rimanere nella zona sinistra della classifica. Visto quello che hanno combinato lo scorso anno, fare meglio non dovrebbe essere difficile.

SESTA FILA - La sesta fila va a Entella e Frosinone. Le due neopromosse meritano fiducia. I laziali si fanno forti di un attacco da primi della classe con gli ingaggi di Dionisi e Masucci, mentre l'Entella ha operato più a fondo, rivoluzionando la squadra e ingaggiando gente di categoria come Pelizzoli, Baldanzeddu, Rubino e Sansovini. Le due squadre sono quindi attese al ruolo di guastafeste del prossimo campionato. E chissà che non ci scappi qualcosa di più.

SETTIMA FILA - In settima fila partono Trapani e Crotone. Le due squadre hanno subito una mezza rivoluzione con cessioni importanti quali Caccetta, Nizzetto e Garufo per i siciliani, Bernardeschi, Gomis, Ligi e Crisetig per i calabresi. Si riparte da zero, dunque. La forza delle due squadre continua ad essere il gioco espresso dai due allenatori, Boscaglia e Drago. Chissà, poi, se tra i vari Aramu, Lombardi e Falco (per il Trapani) o Sprocati, Zampano e Padovan (per il Crotone) non escano futuri campioncini.

OTTAVA FILA - L'ottava fila spetta a Pro Vercelli e Cittadella. Le due squadre sembrano destinate a soffrire per provare a salvarsi, ma, dovrebbero comunque essere attrezzate per raggiungere l'obiettivo. Gli ingaggi di giocatori come Castiglia, Millesi e Ragatzu (per la Pro) o quelli di Sgrigna, Donazzan e Gerarci (per il Cittadella) dovrebbero garantire una linea di galleggiamento appena sopra la zona a rischio.

NONA FILA - Brescia e Ternana sono in nona fila nella nostra griglia. I lombardi si fanno forti della coppia Caracciolo-Corvia, è vero, ma la qualità del resto della squadra non convince e anche Iacvoni non sembra in grado di guidare la baracca. Dall'altra parte Tesser, si è salvato a fatica lo scorso anno e ora ha perso mezza squadra e rischia di veder partire anche Antenucci. Non il massimo per sperare di evitare la Lega Pro. Aggiungiamoci che il mercato delle due squadre, finora, è stato un pianto, e il quadro fosco sarà completo.

DECIMA FILA - Il Lanciano e l'Avellino quest'anno rischiano grosso. L'anno scorso sono state tra le sorprese, ma in estate hanno subito una mezza rivoluzione. Al momento sono tra le squadre più a rischio retrocessione. Manca ancora quasi un mese alla fine del mercato, ma se le squadre non si muovono in fretta, rischiano grosso.

ULTIMA FILA - Il Varese parte staccatissimo in questa serie B. Salvatosi a fatica lo scorso anno, perso Pavoletti, e con un mercato deficitario, sembra impossibile per i lombardi evitare la retrocessione quest'anno. Anche per i biancorossi non resta che sperare nel mercato, ma le premesse non sono buone.
(di Davide Luciani - del 2014-08-04) articolo visto 5852 volte

sponsor