L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 
Peperoncino Festival 2014

PEPERONCINO FESTIVAL DIAMANTE 2014, GUALTIERO MARCHESI "PRINCIPE DEI GOURMET"

La giuria premia il grande chef

Il 12 settembre Gualtiero Marchesi ritira il premio "Principe dei Gourmet 2014" a Diamante (CZ) durante la 22^ edizione del Peperoncino Festival in svolgimento dal 10 al 14 settembre. Un’attenta giuria online di buongustai di tutta Italia lo ha decretato il vincitore di quest’anno, su una prestigiosa cinquina di chef composta oltre che da Marchesi, anche da Bottura, Cedroni, Cracco e Iaccarino.

Assegna il Premio una giuria di esperti presieduta da Cino Tortorella. I quindici chef selezionati quest’anno sono: Gualtiero Marchesi, Alfonso Iaccarino, Annie Féolde, Carlo Cracco, Valeria Piccini, Gianni Esposito, Heinz Beck, Luisa Valazza, Maria Teresa Marcotti, Massimo Bottura, Max Alajmo, Moreno Cedroni, Nadia Moroni, Nadia Santini, Pietro Zito.

La cerimonia durante la quale Gualtiero Marchesi ritirerà il premio, realizzato dall’orafo Gerardo Sacco, è prevista per venerdì 12 settembre alle ore 23.00 nella piazzetta di S.Biagio. A proposito del peperoncino Marchesi ci dice «Il peperoncino, se usato nel modo giusto, può esaltare molto bene alcune cose. Mi piacciono i piatti semplici con dentro un'idea. Lo stile poi può anche cambiare. La cosa difficile è avere delle idee che restino. Quando devo creare un piatto, io parto sempre dall'idea. Se l'idea è buona, sarà buono anche il piatto». Questo prodotto venuto dalle Americhe, ha subito familiarizzato con le classi sociali più deboli, tanto da meritare l’appellativo di “democratico” e “popolare”.

PREMI E CONCORSI - Il Peperoncino Festival quest’anno è stato premiato a Bologna con il “Festival of Festivals Award 2014” come “migliore pacchetto turistico”. «Un riconoscimento - dice la motivazione - a una manifestazione che ha saputo integrare la propria offerta culturale mettendo in opera azioni volte alla valorizzazione delle risorse del territorio, alla conquista e fidelizzazione di pubblico proveniente da diverse aree geografiche».

Testimonial d’eccezione della 22° edizione del Peperoncino Festival i Bronzi di Riace che sempre più stanno diventando simbolo della Calabria. I due guerrieri saranno i protagonisti delle prossime campagne di promozione del turismo calabrese e l’Accademia del peperoncino non vuole essere da meno presentando le due statue ai duecentomila visitatori che a settembre saranno a Diamante e organizzando, durante le cinque mattinate, escursioni a Reggio Calabria per visitare il Museo.

Il festival avrà un sapiente mix di gastronomia e cultura. Nelle cinque giornate dedicate a Sua Maestà il Peperoncino infatti ci sarà spazio anche per convegni, tavole rotonde, mostre, cinema, satira, cabaret, spettacoli di strada, musica e folclore. Quest’anno ci sarà spazio anche per ben 7 concorsi (bandi pubblicati sul sito www.peperoncinofestival.org)

Il cinema col “Piccante film festival”, un concorso nazionale di cortometraggi organizzato in collaborazione col cinecircolo “Maurizio Grande”. La poesia con “Versi piccanti”, un concorso riservato a opere espressamente dedicate al peperoncino con l’intento di pubblicare, nel tempo, un’antologia dei lavori più belli e significativi.

L'ormai classico “Premio per la migliore tesi di laurea sul peperoncino”. Un altro concorso “storico” è quello dedicato alla fotografia. È organizzato in collaborazione con l’associazione culturale “Massenzio arte” di Roma. Quest’anno ha come tema “Terra” con riferimento al bacino del Mediterraneo, la sua cultura, le tradizioni, gli usi e consumi, i simboli e i paesaggi.

C’è anche il concorso giornalistico “Penna all’arrabbiata” e sarà assegnato da una giuria di esperti a “un giornalista italiano che, nel corso dell’ultimo anno, si è distinto per la realizzazione di articoli e servizi particolarmente straordinari e non convenzionali”.

È attiva anche un'Accademia che è stata fondata nel 1994 dal giornalista gastronomo Enzo Monaco, con l’obiettivo di far conoscere, in particolare, il peperoncino capsicuum annuum, arrivato in Italia con Cristoforo Colombo. Dalla scoperta dell’America a quella qualitativa del “frutto rosso” è passato molto tempo e il festival dedicato al peperoncino, con ingresso gratuito, è il luogo dove si incontrano gli amanti di questo prodotto che prediligono i gusti particolari che dona alle pietanze nelle quali si mescola con cautela e sapienza.
(di Adina Verì - del 2014-09-12) articolo visto 4199 volte

sponsor