L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

PERSECUZIONI CATTOLICHE E NON SOLO: QUANDO LA RELIGIONE E' CAUSA DI GUERRA

Il Papa lancia l'allarme contro le persecuzioni cattoliche. Ma le guerre religiose, esistono da sempre

DALLE ORIGINI, NEI TEMPI… - Le persecuzioni religiose fanno parte della storia del mondo. La Bibbia racconta della schiavitù degli ebrei, che adoravano un unico Dio, da parte degli Egiziani, il cui culto religioso comprendeva più dei. I cattolici furono perseguitati dai romani, prima che l'editto di Costantino nominasse il cristianesimo religione di stato. D'altro canto i cattolici stessi perseguitarono chi, secondo loro non si uniformava alle dottrine di Cristo. La Santa Inquisizione, da questo punto di vista, fu probabilmente uno degli esempi più evidenti della storia del cristianesimo.
Nel XXI secolo si parla ancora di persecuzioni. Al di là dello scontro ideologico tra cattolici e musulmani (di cui ormai la storia è piena), i cristiani sono perseguitati in molte parti del mondo in cui la religione coranica, non è quella prevalente.
L’APPELLO DI PAPA BENEDETTO - Giorni fa, Papa Benedetto XVI, ha lanciato un appello rivolto agli estremisti indù, che nell'ultimo mese e mezzo hanno massacrato un'ottantina di cattolici. Il motivo principale di queste azioni violente vanno cercate, da una parte, dalla voglia di liberare il territorio da religioni “nemiche”, dall'altra perchè il cristianesimo – predicando l'uguaglianza dei popoli – va contro la tradizione secolare delle caste indù, tradizione su cui si basa ancora la società induista. L'induismo è infatti l'unica tra le grandi religioni del mondo a non predicare l'uguaglianza universale tra gli uomini. Ma non è solo in India che i cristiani sono perseguitati.
CINA, INDIA, MESSICO …- Anche in Cina ad esempio negli ultimi anni ci furono arresti dei sacerdoti cattolici catturati e perseguitati perchè fossero convinti ad abbandonare la santa Sede per aderire all'Assciazione Patriottica, organismo che controlla molte comunità del luogo. Tornando indietro nel tempo le più grandi persecuzioni subite dai cattolici durante il XX secolo sono state ad opera di nazismo e comunismo. Per i primi la Chiesa cattolica andava “riorganizzata” per i secondi “eliminata”.
Un esempio di quello che hanno subito i seguaci di Cristo nel secolo scorso basti per tutti: la “guerra dei cristeros”, in Messico. Combattuta dagli insorti cattolici contro il regime di Plutarco Elias Calles il cui governo aveva emanato decreti volti tra l'altro alla scristianizzazione dei luoghi pubblici e la proibizione degli ordini e dei voti religiosi e costata tra le 70.000 e le 85.000 vite umane. Cifre irrisorie se si pensa agli 85 milioni di vittime cattoliche fatte dal comunismo.
VITTIME DIMENTICATE? - Quello che preoccupa veramente non è solo il fatto che ci sia ancora accanimento verso una persona che pratica una religione diversa (come si è già detto, le guerre intereligiose ci sono sempre state e continueranno ad esserci) quanto il silenzio di cui questi atti sono ammantati. Molti sacerdoti cattolici vengono tutt'oggi rapiti in Sudamerica, e di loro non si sa più niente. Senza una corretta informazione non si potrà cercare di risolvere il problema.
E' altresì vero però che in molti dei paesi dove queste persecuzioni avvengono, essendoci regimi totalitari o assenza dello Stato, questi casi vengono dimenticati, per non dire insabbiati. Il sogno irrealizzabile al momento è sempre lo stesso; un dialogo interreligioso. Il Papa ha fatto bene a porre la questione. Però ora sta alle massime autorità religiose del mondo, trovare un accordo.
AMORE E NON FANATISMO - Fin quando ci saranno i fanatici, sia essi islamici, induisti o di qualunque altra fede, non si potrà arrivare a niente. La prima cosa che bisognerebbe insegnare in tutte le reliione dovrebbe essere il termine “amore”.
Perchè se una religione tenterà sempre di prevalere su un'altra, non ci potrà mai essere pace, e la strada verso la fede continuerà a essere costellata di martiri, uccisi, perchè credevano in un Dio o in un paradiso diverso.
(di Davide Luciani - del 2008-10-16) articolo visto 5379 volte
SFOGLIA ARCHIVIO NOTIZIE
sponsor



Fotogallery