L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 
Cenerentola il film

CENERENTOLA: LA RECENSIONE

Dal 12 marzo l’adattamento cinematografico targato Walt Disney della fiaba. Fonte: www.newscinema.it (Fb)

Il 12 marzo uscirà in tutti i cinema italiani l’adattamento cinematografico targato Walt Disney della fiaba di Cenerentola. Diretto da Kenneth Branagh ed interpretato da Lily James, Cate Blanchett, Richard Madden, Helena Bonham Carter e Stellan Skarsgard Cenerentola segue la scia del successo di Alice in Wonderland e Maleficent portando un’altra icona dei classici Disney al cinema.

TRAMA CENERENTOLA - Cenerentola (Lily James) è una giovane fanciulla che, dopo l’improvvisa morte della madre, trascorre le sue giornate regalando gentilezze al prossimo e prendendosi cura della casa durante i lunghi viaggi del padre. Ma quando suo padre si risposa ed entrano a far parte delle loro vite la crudele Lady Tremaine (Cate Blanchett) e le sue due sciocche figlie Anastasia (Holliday Grainger) e Genoveffa (Sophie McShera) Cenerentola viene relegata alla stregua di una serva, rinchiusa in soffitta e accolta solo dai suoi amici topolini.

Almeno fino al giorno in cui casualmente non incontra nel bosco uno straniero che si rivela essere il principe (Richard Madden) del regno che, rimasto affascinato dalla sua grazia, organizza un ballo per incontrarla nuovamente. Ballo a cui Lady Tremaine porta solo Anastasia e Genoveffa stracciando a Cenerentola il vestito e impedendole così di recarsi a palazzo. Ci penserà la fata madrina (Helena Bonham Carter) trasformando topi in cavalli, zucche in carrozze e lucertole in servitori a dare alla gentile Cenerentola la possibilità di rincontrare il principe. Anche se con un solo limite. La magia durerà solo fino allo scoccare della mezzanotte…

RECENSIONE - Tim Burton, Robert Stromberg ed ora Kenneth Branagh. Grandi nomi quelli scelti dalla Disney per riportare in chiave live action sugli schermi di tutto il mondo alcune tra le fiabe più celebri della casa di Topolino. Anche se da grandi registi non sempre derivano grandi film. Come dimostrato dal semi-riuscito Alice in Wonderland di Tim Burton e dal poco a fuoco Maleficent, film che pur avendo tutte le carte in regola per vincere la sfida dell’adattamento live action si sono rivelati alla fine mezze delusioni. Ma per Cenerentola le cose sono andate ben diversamente. E gran parte del merito va a Kenneth Branagh, regista di Frankenstein di Mary Shelley, Hamlet, Pene d’amor perdute e Thor, qui alle prese con la fiaba delle fiabe, Cenerentola.

Fiaba difficile da portare sul grande schermo per via di una serie infinita di elementi ardui da rappresentare come gli amici topolini, il gatto Lucifero o il tanto iconico Bibbidi-Bobbidi-Boo. Eppure l’ottima sceneggiatura di Aline Brosh McKenna e Chris Weitz unita alla indiscutibile eleganza della regia di Branagh hanno inserito tutti gli aspetti più rappresentativi della fiaba regalando così il migliore film Disney degli ultimi anni.

Film che brilla grazie anche alla dolcezza della brava Lily James, alla perfidia della impeccabile Cate Blanchett ed alla goffaggine della divertente Helena Bonham Carter che, dopo la Regina di Cuori, interpreta qui la fata madrina, vero personaggio cult dell’immaginario Disney. E tutto accompagnato da effetti speciali sensazionali, incredibili scenografie di Dante Ferretti e costumi che catapultano lo spettatore nella fiaba diretta da Wilfred Jackson, Hamilton Luske e Clyde Geronimi nel lontano 1950. Un classico che non smette di rimanere tale e che ha avuto grazie all’impeccabile tocco di Kenneth Branagh la rappresentazione cinematografica che meritava.
(di Carlo Andriani - del 2015-02-19) articolo visto 2024 volte

sponsor