L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 
Pepple Beach

CONCORSO PEPPLE BEACH, LE AUTO PIÚ QUOTATE SONO ITALIANE

In vetrina anche Lancia, Fiat e Siata

Pebble Beach è una splendida località situata nell'affascinante cittadina di Carmel nella California del Nord: famosa per la qualità della vita e per le numerose celebrità che amano passare lì le vacanze. Pebble Beach ospita ogni anno un famosissimo concorso dedicato alle automobili più eleganti del mondo. L'edizione del 2015 ha visto le bellissime auto italiane assolute protagoniste del concorso. Tra le più quotate alle aste, le Ferrari: in particolare la 330 GTS Pininfarina del 1967 e la Enzo del 2005, valutata ben 6 milioni di dollari.

LE AUTO ITALIANE ASSOLUTE PROTAGONISTE AL PEBBLE BEACH 2015 - Anche quest'anno, dunque, le auto italiane sono state le più quotate alle aste del Pebble Beach Concours D'Elegance, durante le aste tenutesi tra il 14 ed il 16 agosto: ricercate dagli amanti delle auto di tutto il mondo, grazie alla loro eleganza e ai brand che hanno fatto la storia dell'automobilismo, le auto di casa nostra non hanno deluso assolutamente le aspettative. A riscaldare l'atmosfera ci hanno pensato Bonhams, Gooding & Company, RM Auctions e Mecum, portando sui palchi di Pebble Beach modelli del cavallino strepitosi e, soprattutto, molto costosi: i prezzi di queste auto sono in continua ascesa, nonostante alcuni esperti del settore avessero parlato di bolla speculativa destinata a scoppiare. Finora, a scoppiare, sono stati solo i prezzi di queste meraviglie tricolori.

Il Portola Hotel di Monterey è stato letteralmente preso d'assalto dai collezionisti più ricchi e importanti del mondo, attirati dalla possibilità di scoprire in anteprima le nostre italianissime auto e di poter già pensare a come sbaragliare la concorrenza a suon di rilanci. L'asta è stata frenetica e davvero ricca di sorprese: la Ferrari 250 LM del 1964, pezzo forte del Concours d'Elegance, è stata battuta addirittura per 17,6 milioni di dollari. Al Cavallino rosso sono andati anche il secondo ed il terzo posto del podio delle auto più pagate: la Ferrari 250 GT SWB California Spider del 1961 è andata a 16,83 milioni di dollari, mentre la 250 Berlinetta Speciale del 1962 è stata venduta per 16,5 milioni. Valutazioni folli, secondo voi? Potete verificare da soli visitando Noicompriamoauto.it, il famoso portale specializzato nella vendita di auto usate e, soprattutto, nella vendita di auto d'esportazione on-line: il sito web, infatti, vi permetterà di ottenere gratuitamente la valutazione delle automobili. Non solo delle Ferrari, ma anche dei vostri modelli.

IN VETRINA ANCHE LANCIA, FIAT E SIATA - Ma la Ferrari non è stata l'unica auto italiana ad aver riscosso grandi consensi: premesso che 7 posti su 10 delle auto più vendute sono stati occupati dal Cavallino, va detto che anche altre auto italiane sono riuscite a ritagliarsi il loro pregiato spazio al Quail Lodge. La Lancia, ad esempio, è stata degnamente rappresentata dal modello Aurelia B24S Spider America del 1955, stimata intorno ai 2 milioni di dollari. E non poteva certo mancare la Fiat, che con la 8V Supersonic del 1953 appena restaurata ha fatto gongolare più di un collezionista. Altra perla italiana presente al Pebble Beach Concours d'Elegance è stata la Siata 208 Sport Two Seater del 1953, valutata intorno al milione e mezzo di dollari: un grande pezzo da collezione di una piccola casa automobilistica molto apprezzata dagli amanti delle auto.

FERRARI, FERRARI E ANCORA FERRARI - Il Cavallino rampante, però, ha letteralmente monopolizzato il Pebble Beach 2015. Oltre ai già citati modelli, il concorso ha visto sfilare tante altre, splendide Ferrari: una 288 GTO del 1985 (2.7 milioni di dollari, la valutazione), una Daytona 365 GTB/4 del 1971, una Dino 246 GTS del 1974, una F512 M del 1995 e poi la classica 330 GTS del '66. L'auto più attesa del concorso era però la Porsche Carrera Turbo del 1976 appartenuta a Steve McQueen: non è bastata, però, la griffe dell'icona di Hollywood per rubare l'attenzione al Cavallino.
(di Redazione - del 2015-09-04) articolo visto 1612 volte

sponsor