L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

BECKHAM: EVENTO MEDIATICO O COLPO DI MERCATO?

E’ un vero affare l’acquisto a titolo temporaneo di uno dei più forti giocatori al mondo?

Da gennaio fino a metà Marzo, David Beckham è un calciatore del Milan. Dietro tutto ciò si cela la genialità del duo Braida – Galliani nel portare l’inglese a Milano.
CARA EUROPA MIA…- Beckham, attualmente sotto contratto con i Los Angeles Galaxy, ha chiuso in anticipo la sua stagione in Major League Soccer per l'esclusione della sua squadra dai playoff. Anche lo scorso anno Beckham lasciò gli Usa alla fine della stagione di Mls per tornare ad allenarsi in Europa, all'Arsenal, per conservare la forma fisica e mettersi a disposizione del ct Fabio Capello per le partite della nazionale inglese.
Soddisfatto anche l’allenatore Ancelotti, che parla dell’inglese come un atleta serio ed un grande professionista.
In effetti, in questo periodo si dibatte sul far rimanere David al Milan fino al termine della stagione, ma può darsi pure per altre stagioni. Causa di questo dibattito sono state le ottime prestazioni (condite da due reti) in campo di un giocatore che ha ancora nel cross e nelle punizioni la sua arma migliore.
UN’ALTRA ICONA PER IL DIAVOLO - Il calciatore inglese è un altro tassello della galleria di campioni e personaggi del club rossonero. Oltre a lui vi sono attualmente giocatori come Ronaldinho, Kakà e Pato che solo a nomi fanno la fortuna del Milan nel campo del merchandising.
L'acquisto di Ronaldinho, pezzo pregiato dell'ultimo mercato, ha prodotto un boom nella vendita delle maglie numero 80. Con Beckham, i riflettori puntati sulla sponda rossonera di Milano aumenteranno ulteriormente. "Se 65.000 persone vanno allo stadio a vedere Milan-Sampdoria, vuol dire che il Milan è un prodotto che piace. Rispetto a questi 65.000, Beckham ne porterà uno in più di tifoso piuttosto che uno in meno", ha spiegato l'amministratore delegato della società, Adriano Galliani.
Il Milan è forse l’unico club in controtendenza, ovvero la gente va allo stadio a vedere il Milan.
AZIENDA BECKHAM E FAMIGLIA - Beckham è al quinto posto assoluto nella classifica delle 100 celebrità appena stilata dal magazine Forbes. Secondo la graduatoria, l'ex capitano dell'Inghilterra può contare su entrate annue per 50 milioni di dollari, poco meno di 38 milioni di euro. L'ingaggio base corrisposto dai Galaxy, in base al contratto quinquennale sottoscritto nel 2007, dovrebbe aggirarsi sui 5,5 milioni di dollari (4,1 milioni di euro).
La cifra contemplata dall'accordo aumenta considerevolmente grazie alle voci relative a merchandising, percentuali prodotte dalle vendite al botteghino e sponsorizzazioni varie. A tutto questo, si aggiunge il fatturato dell'azienda "personale": lo Spice Boy (come viene anche chiamato dopo il matrimonio con Victoria delle Spice Girls) Beckham è legato ad una serie di marchi prestigiosi. Nello sport mondiale solo Tiger Woods e Roger Federer, stelle del golf e del tennis, hanno più spazio. Sul web, il futuro milanista deve accontentarsi della decima posizione assoluta. Lo battono però solo divi del cinema, della musica e della tv: nessun atleta può vantare un analogo numero di clic. La trasferta milanese potrebbe, inoltre, essere una chance da sfruttare anche per la moglie Victoria, impegnata da un paio d'anni anche nel mondo della moda. Attuale il calciatore inglese è il simbolo migliore della nuova era, quella dove l'economia, più che alle leggi della produzione, si piega alle regole impalpabili del marketing e della moltiplicazione finanziaria.
A dispetto di un reddito ufficiale che si aggira attorno ai 30 milioni di dollari all'anno, quello che conta, quando si parla della star Beckham, non è quanto guadagni ufficialmente, bensì quanto sia forte la sua capacità di moltiplicare il denaro, grazie a una sapiente utilizzazione del marchio: tanto che oggi qualsivoglia multinazionale che decida di aggiudicarsi i diritti di sfruttamento della sua immagine sa che l’azienda Beckham è il volano per scalare le vette della globalizzazione, per conquistare nuovi mercati, per far conoscere il proprio marchio a un numero sempre più grande di consumatori.
CONSIDERAZIONI - Sicuramente è un calciatore dal passato importante, la cosa strana è che stia qui solo due mesi. Questo fa pensare ad un semplice favore nei confronti del giocatore. Potrebbe essere una mossa di marketing, anche se in un tempo così breve non so i vantaggi che potrà portare. Il Milan è stato elegante nei confronti di un grande giocatore, con la regìa occulta di mister Capello. Magari il prossimo anno l'operazione potrebbe realizzarsi in maniera definitiva, la trattativa resta viva...

(di Andrea Ambrosini - del 2009-02-13) articolo visto 4466 volte
SFOGLIA ARCHIVIO NOTIZIE
sponsor



Fotogallery