L'Opinionista Giornale Online - Notizie del giorno in tempo reale
Aggiornato a:
 

MI REGALO UN VOLO “LEGGERO”

Tante offerte per viaggiare con un occhio al proprio portafoglio

Tutti vogliono viaggiare in prima è il titolo di una delle canzoni di Ligabue, e in effetti chi non mollerebbe per qualche giorno il proprio noioso lavoro per un bel volo di prima classe diretto verso una meta lontana dallo stress e dagli affanni quotidiani? Ma in tempo di crisi, si sa, le cose non sono così semplici come si vorrebbe che fossero. Per fortuna però l'italiano è famoso nel mondo anche per l'arte di sapersi adattare alle più svariate situazioni, abile nell'escogitare strategie alternative in modo da non dover per forza rinunciare alle cose che gli piacciono. E i viaggi stanno sicuramente in cima alla classifica.
PER TUTTE LE TASCHE … O QUASI - Uno dei primi siti in Italia a proporre offerte vantaggiose per tutte le tasche e adatte alle esigenze più disparate è stato Expedia.it, con un occhio di riguardo alle famiglie con bambini e ragazzi. Una categoria spesso costretta a rinunciare a partire, ancor più nel periodo difficile in cui viviamo. Per questo motivo il sito ospita al suo interno una sezione a lei interamente dedicata: si va dalle vacanze al mare ai parchi tematici e ai viaggi nelle città d'arte italiane adatte sia ai più grandi che ai più piccoli. Non mancano nemmeno quelle informazioni che i genitori cercano di sapere prima di accingersi in un viaggio che si spera sia più vicino possibile all'idea che si ha in mente. Vengono quindi forniti dati su eventuali sistemazioni e pacchetti vacanza che offrono prezzi ridotti per i bambini o, ancora, servizi e attrezzature specifiche come lettini, seggioloni, baby piscine, mini-club, menù speciali e spazi gioco.
PER LE GIOVANI COPPIE - Se invece siete una giovane coppia che vuole trascorrere un week end fuori porta in barba alla recessione, ma non sapete proprio da dove iniziare ad organizzarlo, ecco che arriva in vostro aiuto un altro sito, pronto a pianificare al posto vostro il viaggio in ogni suo dettaglio. O almeno a darvi una mano. Si tratta di TripAdvisor.it (che in italiano suona come: “consulente di viaggi”).
La community del portale ha creato una specie di sistema in grado, dopo aver inserito alcuni dati, di analizzare per esempio la relazione fra la qualità e il prezzo di un albergo. Tale algoritmo, che prende il nome di TopValues, stabilisce la qualità di un hotel in base alle recensioni fornite dagli stessi viaggiatori, nonché naturalmente anche sulle certificazioni delle strutture in base al sistema delle stelle. Ciò fa sì che TopValues venga non solo costantemente aggiornato, ma anche che dia la possibilità di cogliere al volo l'offerta migliore. Questo perché, se gli italiani possono rinunciare a tutto ma non alle ferie, sono comunque le abitudini di viaggio a cambiare radicalmente. Si opta quindi per soggiorni più brevi e senza dubbio più economici. Piuttosto che due settimane ad agosto, si preferisce partire nei fine settimana a giugno e a settembre, ovvero durante la bassa e media stagione.
SI “SCONTI” CHI PUO’ - E se la bianca spiaggia tropicale diventa lontana da raggiungere anche in termini economici, l'italiano si orienta verso mete più vicine ma non per questo meno suggestive e in cui non viene comunque meno l'idea di fuga dal caos cittadino. Se poi in passato il viaggio a budget ridotto era rappresentato dai voli last minute, in tempi più recenti si è diffusa la moda, se vogliamo, opposta: le prenotazioni con largo anticipo sono spesso sinonimo di sconti e offerte, se non altro danno la possibilità di scegliere e sfruttare le migliori promozioni.
CASA MIA, CASA TUA - Infine, ultimamente, sta prendendo piede pure qui da noi una formula di vacanza già consolidata in altri Paesi come Stati Uniti e Nord Europa: lo scambio, cioè, delle rispettive abitazioni. Lo scopo principale di tale pratica, al centro del film L'amore non va in vacanza, con Kate Winslet e Cameron Diaz, non è forse quello di risparmiare quanto quello di favorire l'incontro, il sostegno e la solidarietà mettendo prima di tutto in gioco una delle cose che ci è più care, cioè la nostra casa. Però è pur vero che quando si hanno a disposizione pochi soldi lo scambio diventa una valida e originale alternativa al più classico dei soggiorni. Può capitare anche che il proprietario di un appartamento scelga invece semplicemente di ospitare il viaggiatore per qualche notte, offrendogli una visita guidata della città o mettendogli a disposizione il proprio mezzo di trasporto.
Il primo e più famoso sito in Italia che ha messo in moto tutto questo è stato Servas.it: un circuito no profit che offre un sistema spontaneo di ospitalità. Basterà iscriversi versando un piccola quota e decidere poi se essere Porta Aperta (disponibili ad ospitare), Day Host (disponibili per consigli, aiuti, per fare da guida locale, ecc) o semplice Viaggiatore. È certamente un'esperienza non comune e per molti non facile, ma che può essere un'ottima occasione per conoscere nuovi luoghi, nuova gente e soprattutto risparmiare.
(di Matilde Geraci - del 2009-12-10) articolo visto 4316 volte
SFOGLIA ARCHIVIO NOTIZIE
sponsor



Fotogallery